Simone Cantini

Simone Cantini

Gamer cresciuto all’ombra del tubo catodico, sia in casa che in sala giochi, amante del Giappone in ogni sua forma, traduttore freelance e aspirante musicista non ancora pronto ad appendere lo strumento al chiodo. Quando non sogna di attraversare per l’ennesima volta l’incrocio di Shibuya, si diletta con ogni tipo di console presente sulla terra.

OCTOPATH TRAVELER: lo abbiamo provato su Xbox Series X

Sono sicuramente un tipo strano, non lo nego, dato che tra i motivi che mi spinsero, a suo tempo, ad acquistare Switch non figura assolutamente l’osannatissimo The Legend of Zelda: Breath of the Wild, anzi. Ad incuriosirmi maggiormente, difatti, non fu certo l’ultima avventura di Link (che tra l’altro non mi ha davvero entusiasmanto neppure una volta acquistata: linciatemi pure!), bensì un prodott...Leggi tutto

BRIGANDINE: The Legend of Runersia per PlayStation 4 – Recensione

La generazione PS1 è estremamente ricca di IP che hanno finito con lo smarrirsi, o scomparire, con il passare del tempo. Titoli che non di rado la fanbase, anche quella più sommersa, desidera vedere rinascere sotto la luce delle attuali potenzialità tecniche, ma che per motivi a noi sconosciuti rimangono chiuse con insistenza in un lugubre cassetto. Basti pensare a Vagrant Story o Soul Reaver (no,...Leggi tutto

Gal*Gun Returns – Recensione

Da imbranato nell’ombra ad idolo delle donne in un secondo: tutto può accadere se un cupido pasticcione esagera con le sue frecce magiche e ci rende, improvvisamente, l’oggetto dei desideri di (quasi) ogni ragazza presente in Gal*Gun Returns. C’è stato un momento in cui Microsoft ha scelto di puntare con forza sul Giappone, realizzando una serie di titoli smaccatamente rivolti all’utenza dell’arci...Leggi tutto