Captain Toad: Treasure Tracker – Prime impressioni sulla versione Nintendo Switch

Il prossimo 13 luglio Nintendo ripubblicherà le avventure di Captain Toad su Nintendo Switch e 3DS. Torniamo a impersonare il funghetto in questa demo per portarvi le nostre impressioni

Captain Toad: Treasure Tracker

Ormai lo abbiamo scritto più volte: il 2018 di Nintendo Switch è cominciato in sordina, con porting dei titoli eccellenti visti su Wii U, ma comprati da ben pochi giocatori. Il prossimo eletto di questa collezione di “vecchie” glorie sarà Captain Toad: Treasure Tracker, avventura platform a diorami con protagonista il coraggioso funghetto.

Captain Toad esordì con i propri livelli all’interno di Super Mario 3D World, e attirò consensi del pubblico tanto da ricevere un gioco a sé stante, in cui il nostro piccolo e tremolante eroe si muoveva in meravigliosi diorami a caccia di tesori. Il funghetto antropomorfo ha fatto delle piccole comparsate anche in SUPER MARIO ODYSSEY, e questo mi aveva fatto sperare in un nuovo capitolo.

Non un nuova avventura

Invece Nintendo gioca un’altra volta sul sicuro, portando la prima avventura di Captain Toad sia su Nintendo Switch, sia sull’immortale Nintendo 3DS. Con un prezzo più contenuto rispetto a Hyrule Warriors e Bayonetta 2 (40 €) Toad riporta ogni singolo livello della versione Wii U, ad eccezione di quelli dedicati a 3D World, sostituiti da stage nuovissimi basati sui mondi di ODYSSEY.

Nella demo disponibile su eShop, sono presenti tre livelli, gli stessi con cui Captain Toad si presentava ai possessori di Wii U. Un’infarinatura iniziale sulle abilità del piccolo esploratore e sulla possibilità di interagire sui diorami tramite touchscreen (o analogico a schermo).

Captain Toad non può saltare a causa del peso del suo zaino, ma può lanciare delle rape per difendersi dagli abitanti ostili del regno dei funghi (in perfetto stile Super Mario Bros. 2) o trovare un piccone speciale che lo rende invulnerabile per un periodo di tempo determinato. Con solo queste frecce al proprio arco, starà a noi portare in salvo il piccoletto raccogliendo i tre diamanti nascosti in ogni livello, muovendo la telecamera attorno al diorama stesso in cui si svolgono le avventure.

Quel pizzico di novità

Come già accennato, Captain Toad perde il comando asincrono con il gamepad, diventando un gioco “normale” e confinando l’interazione touch solamente in modalità portatile (e tramite pennino su 3DS). Ad accompagnare la portatibilità del gioco, viene introdotto il multiplayer co-op con due Joy-con, nel quale il primo giocatore utilizzerà Captain Toad, mentre il secondo muoverà la telecamera e farà fuoco sui nemici. La modalità co-op, per quello che ho potuto vedere nella demo, abbassa ulteriormente il non troppo alto livello di sfida del titolo.

Basterà una manciata di nuovi livelli a farci ricomprare Captain Toad: Treasure Tracker? La risposta dovrà farsi attendere ancora un po’. Il 13 luglio, Toad e la sua truppa sbarcheranno su lande più fortunate di Wii U, il loro destino sarà più roseo?

Kisu
È un paladino della legge, un combattente che veste alla marinara, ed è qui per parlarvi di roba che nessun altro ha voglia di trattare. E lo farà in nome della luna, e della sacra barba.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*