The Legend of Heroes: Falcom è interessata a portare i titoli mancanti in occidente

The Legend of Heroes: Trails in the Sky the 3rd Evolution

Grazie a un’interessante intervista tenuta dal portale videoludico DualShockers a Toshihiro Kondo, presidente di Nihon Falcom, vengono rivelate alcune interessanti informazioni riguardo la saga RPG di The Legend of Heroes, ma più che i titoli nuovi e di prossimo arrivo, quello che interessa particolarmente stavolta sono i giochi della serie che non sono mai riusciti a giungere in occidente.

Tantissimi fan occidentali di questa particolare serie, infatti, stanno chiedendo a gran voce due titoli ben precisi: The Legend of Heroes VII: Zero no Kiseki e The Legend of Heroes VII: Ao no Kiseki. Attualmente non è presente alcun piano per il loro rilascio, ma c’è comunque molto interesse da parte della compagnia nel trovare un partner che riesca a rendere possibile tutto questo.

Nel corso dell’intervista, Kondo rivela addirittura che uno dei suoi sogni più grandi sarebbe offrire la possibilità a tutti di poter giocare ai tanti titoli che compongono questa serie. Per questo motivo, è costantemente in cerca di una via per rendere il tutto possibile. Come ben sappiamo, alcuni dei vecchi titoli della serie son già stati rilasciati sfruttando la nota piattaforma Steam, e probabilmente la strada da seguire potrebbe essere proprio questa.

Non possiamo che augurare tutto il meglio a Toshihiro Kondo e Nihon Falcom, nella speranza che riescano nel loro intento e possano deliziare noi occidentali con i titoli della serie mancanti.

Fonte: DualShockers

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.