Nintendo Switch: carestia negli USA, la gente la costruisce a casa

Nintendo Switch: carestia negli USA, la gente la costruisce a casa

Se la penuria di dispositivi di protezione individuale, di carta igienica e di altri beni di prima necessità sono stati un problema ben riconosciuto a livello mondiale a causa della pandemia, un certo tipo di mancanza piuttosto particolare sta impensierendo gli Stati Uniti. Con centinaia di milioni di persone chiuse nelle proprie case, è infatti caccia all’intrattenimento e a farne le spese è stata Nintendo Switch, console ibrida entrata nel suo terzo anno di vita. Negli States infatti dall’inizio della pandemia c’è stato un vero e proprio assalto a rivenditori online e locali, con una caccia serrata nei confronti di Switch che molto presto è andata esaurita ovunque.

Complici i ritardi di fabbriche, spedizioni e manifatture, le console non stanno più arrivando e quelle poche unità che ogni tanto riescono a far capolino sugli store online vengono rapidamente comprate in massa da speculatori e sciacalli, che una volta ricevute le rivendono immediatamente su eBay e siti terzi lucrando sul prezzo, maggiorato in alcuni casi del 100%. Ebbene sì, attualmente per acquistare Nintendo Switch negli Stati Uniti la spesa media odierna si aggira intorno ai 400/500 dollari, salendo ulteriormente per l’edizione a tema Animal Crossing, che arriva addirittura a superare i mille dollari, testimonianza di quanto il titolo abbia invogliato il mercato ad acquistare la console Nintendo.

Si sa, noi esseri umani siamo furbi e adattabili, ed ecco quindi che diversi utenti, più elettronicamente preparati e creativi, hanno deciso di bypassare il problema in maniera poco ortodossa: costruirsi Nintendo Switch in casa propria. Le modalità sono molteplici: c’è chi acquista semplicemente pezzo per pezzo separatamente, risparmiando un poco, e invece chi sceglie la strada hardcore: acquistare componente per componente e poi assemblarsi la console da zero. Solitamente venduti come pezzi di ricambio per piccole riparazioni a prezzi più contenuti, alcuni acquistano singolarmente schede logiche, LCD, sensori, custodie e quant’altro per realizzare un progetto fai-da-te, intrattenersi e potenzialmente risparmiare tantissimo. Purtroppo, sembra che anche questo metodo di recuperare una console a poco prezzo sia ormai poco utile: i rivenditori di pezzi di ricambio hanno mangiato la foglia e gonfiato i loro prezzi di conseguenza.

Fonte: Reddit, YouTube

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Lorenzo Repetto
Ossessionato da Le Bizzarre Avventure di JoJo e METAL GEAR, pensa che TRIGGER abbia salvato gli anime. Darebbe tutto pur di vedere un nuovo Trauma Center e il finale di Berserk; generalmente ti vuole bene, finché non gli parli di microtransazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

ilCirox Channel - Memes, offerte e games