Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale – Recensione

Anche se in ritardo, tornano le Olimpiadi! Preparatevi a gareggiare e ottenere l'oro nel frenetico Giochi Olimpici di Tokyo 2020 targato SEGA

Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale - Recensione

Fa davvero uno strano effetto parlare delle olimpiadi un anno dopo l’effettiva data in cui avrebbe dovuto aver luogo questo secolare evento sportivo. Inutile spiegare perché sta accadendo, la ragione la sappiamo tutti, e ci viene quotidianamente sbattuta in faccia guardando ogni telegiornale o programma di attualità da oltre un anno a questa parte. Proprio come le olimpiadi sono state posticipate all’estate di questo 2021, la stessa sorte è toccata alla sua controparte videoludica, ovvero Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale, arcade di carattere sportivo creato nientemeno che da SEGA, una casa che nel bene e nel male è familiare un po’ a tutti, che si sia stimatori di giochi giapponesi di nicchia o meno, e che di sicuro non è sprovveduta quando si tratta di creare giochi sportivi che siano curati e decisamente divertenti (come testimoniano i vari Mario e Sonic ai Giochi Olimpici fatti in collaborazione con Nintendo). Il gioco, infatti, era uscito nientemeno che l’estate del 2019, arrivando in occidente con ben due anni di distanza, in occasione dell’avvicinarsi delle vere olimpiadi a luglio di quest’anno (la schermata del titolo ha persino un timer che segna i giorni che mancano al giorno della cerimonia di inizio!).

Vediamo quindi come se la cava il gioco ufficiale di questo monumentale e storico evento nella sua ultima incarnazione all’interno della capitale nipponica!

Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale - Recensione

  • Titolo: Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale
  • Piattaforma: PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch, PC, Google Stadia
  • Versione analizzata: Xbox One (EU)
  • Genere: Sport, Arcade
  • Giocatori: 1-8
  • Publisher: SEGA
  • Sviluppatore: SEGA
  • Lingua: Italiano (testi e doppiaggio)
  • Data di uscita: 22 giugno 2021
  • Disponibilità: retail, digital delivery
  • DLC: nessuno
  • Note: il titolo è disponibile anche tramite il servizio in abbonamento PlayStation Now

Abbiamo recensito Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale con un codice Xbox One fornitoci gratuitamente da SEGA tramite Koch Media.

Cosplay di Sonic ai Giochi Olimpici

Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale - Recensione

La prima cosa che faremo, una volta attivato il gioco, sarà creare un nostro atleta rappresentante una determinata nazione: un avatar personale che potremo creare e personalizzare come meglio crediamo, decidendone corporatura, capelli, occhi, naso… un editor solido e abbastanza vario. Non solo, ma avremo anche, in seguito, la possibilità di modificare anche gli altri compagni di squadra che ci accompagneranno in quelle discipline in cui ci serviranno più atleti, come il baseball, il calcio e il rugby. Inoltre, se le divise sportive standard dovessero annoiare, sappiate che sarà possibile andare nel negozio di divise e usare i punti guadagnati giocando le varie discipline sportive come moneta per acquistare sia dai potenziamenti per cambiare lo schema di gioco del vostro atleta nel caso vogliate un personaggio incentrato perlopiù su forza, velocità o tecnica, che costumi alternativi per i propri personaggi, da indumenti da strada a costumi da supereroi a tute da astronauta, fino al costume della mascotte dei giochi olimpici di questa edizione, Miraitowa. Il gioco regala addirittura a tutti i nuovi giocatori un costume del riccio blu più veloce del mondo videoludico, il caro vecchio Sonic!

Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale - Recensione

Ai blocchi di partenza… pronti… VIA!!

Le modalità di gioco principale sono tre: Giochi Olimpici, in cui prendere parte alle svariate discipline sportive una dietro l’altra contro altri giocatori sia in locale (quest’ultimo in split-screen) che online fino a quattro giocatori, oltre che in single-player contro il computer, del quale potremmo decidere la difficoltà, sebbene anche a livello normale, una volta padroneggiati i comandi di ogni gioco, potrebbe non dare esattamente una grande sfida; le Partite Classificate in cui infrangere i propri record e quelli degli altri giocatori in svariati eventi mirando ad ottenere un grado sempre più alto e, ovviamente, la Modalità Allenamento su cui sbizzarrirsi per imparare i controlli di ogni singola disciplina.

Giusto, le discipline. Parliamone un po’: ci sono parecchi sport, in tutto diciotto, che vanno dalla classica atletica come lo scatto dei 100 metri o il salto in lungo, il nuoto – sia 100 metri stile libero che 200 metri misto – sport di combattimento come boxe e judo, fino a sport di squadra come il calcio, il rugby e il baseball. I comandi per eseguirli sono perlopiù semplici, richiedendo una buona coordinazione e una discreta tempistica, anche se alcuni minigiochi, come la staffetta, necessitano di un po’ di tempo per essere padroneggiati come si deve. Il tennis, nelle sue meccaniche, ricorda un pochino il buon vecchio Virtua Tennis, altro titolo sportivo SEGA. In quasi tutti gli sport, sarà possibile sfruttare una super-tecnica (utilizzabile solo dal proprio avatar) per cercare di ribaltare la situazione, come ad esempio un super tiro di calcio, o una poderosa schiacciata, se non addirittura una super presa di judo; tutte mosse che potranno essere eseguite dopo aver riempito l’indicatore in fondo allo schermo.

Certo, c’è da dire che la mancanza di certe discipline si fa sentire, come ad esempio la scherma, il tiro con l’arco, il salto in alto o il nuoto sincronizzato, ma restano comunque tutti sport solidi e decisamente divertenti.

Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale - Recensione

Caro vecchio stile arcade!

Per quanto riguarda il comparto grafico, abbiamo un titolo curato, perlopiù quando si tratta di campi da gioco e atleti, sebbene con qualche vistoso singhiozzo. I personaggi sono tutti umani, sebbene resi con una grafica decisamente da cartoon occidentale in CGI, e sono davvero belli da guardare, sia nelle movenze che nelle espressioni. Certo, all’inizio può fare uno strano effetto vedere atleti di generi differenti che gareggiano insieme nello stesso sport, ma dopo un po’ non ci si fa nemmeno più caso per quanto siano carini tutti gli avatar. Le arene di gioco sono tutte ben fatte e dettagliate, e gli intermezzi hanno un feel decisamente da trasmissione televisiva, con inquadrature in movimento e transizioni col logo ufficiale delle olimpiadi che fanno calare ancora di più nell’atmosfera olimpica di questo gioco.

Sfortunatamente, non è tutto oro olimpico quello che luccica. Per quanto i tracciati, le piscine e le altre zone dove avvengono le discipline siano curati, lo stesso non si può dire dei personaggi di sfondo, che sembrano al confronto dei poco dettagliati modelli di una console di 20 anni fa – questo si nota soprattutto nella piscina, guardando le persone sedute sulle sedie dietro gli atleti, che appaiono decisamente più spoglie rispetto a questi ultimi. Inoltre, durante le presentazioni degli atleti, il frame rate cala inspiegabilmente a 30 FPS, nonostante tutti gli sport girino a fluidissimi 60 FPS, anche su una console che comincia a far sentire il peso degli anni come l’Xbox One, su cui gira benissimo, sebbene con qualche caricamento fra un menu e l’altro, ed è fluido anche in sport con svariati giocatori in campo come il baseball o il calcio.

Il gioco è completamente in italiano, anche se non si capisce perché, nonostante la console sia impostata su questa lingua, sia necessario dover cambiare lingua nelle opzioni del gioco, visto che la lingua standard in cui partirà al primissimo avvio è l’inglese. La traduzione è buona, così come le poche voci degli annunciatori fra una gara e le altre, che sebbene non siano stellari sono adatte al contesto.

Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale - Recensione

I Giochi Olimpici sono tornati e questo è il tuo momento! Sia che tu voglia giocare con amici e parenti o che decida di conquistare l’oro nelle classifiche mondiali, con questo party game tutti possono divertirsi! Preparati alla competizione, mentre crei il tuo atleta, personalizzi le sue abilità e scegli il costume da fargli indossare. Non accontentarti di indumenti sportivi normali: risplendi sotto i riflettori con costumi da pirata, astronauta o cowboy! Scegli tra 18 divertentissimi eventi sportivi: da tennis e calcio a 100 m, pallacanestro e pugilato, ci sono sempre record da battere e punteggi da stabilire. Puntare all’oro non è mai stato così divertente!

Acquista Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale per PlayStation 4, Xbox One o Nintendo Switch seguendo questo link al prezzo speciale di 35,98 € (anziché 39,99 €). Sostieni Akiba Gamers acquistando il gioco su Amazon attraverso questo link!

A chi consigliamo Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale?

Consiglio questo gioco a chi ha voglia di un bell’arcade di carattere sportivo che fa della giocabilità il suo punto forte, oltre che a chi ha voglia di qualcosa di simile a Mario e Sonic ai Giochi Olimpici ma con personaggi umani, così come a quella fetta di giocatori ormai anzianotti che sono cresciuti con reliquie sportive come Summer Games della cara vecchia Epyx (oddio, quanti anni fa è stato…). Se invece cercate una simulazione sportiva puramente realistica, potreste restare delusi, visto che non è certo il realismo puro il punto di forza di questo gioco.

Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale - Recensione

  • 18 eventi sportivi diversi con stili di gioco ben strutturati
  • Parecchie opzioni di personalizzazione dei propri atleti
  • Graficamente gradevole e colorato
  • Tutto in italiano, persino le voci

  • Alcuni minigiochi possono essere frustranti
  • Qualche piccolo singhiozzo tecnico
  • In single player potrebbe risultare troppo semplice
Giochi Olimpici di Tokyo 2020: Il Videogioco Ufficiale
3.9

Medaglia d’argento

Il videogioco ufficiale dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020 potrebbe non essere una simulazione sportiva realistica ed eccelsa, con le sue piccole magagne tecniche, i caricamenti forse troppo intrusivi e alcuni minigiochi più frustranti di altri da padroneggiare, ma la sua varietà e la rigiocabilità degli eventi, specie se con gli amici, lo rendono un gioco arcade che si lascia giocare con piacere, e col quale ci si può divertire senza neanche accorgersi del passare del tempo. Certo, qualche sporticino in più non avrebbe guastato, specie considerando tutte le varie discipline che sono state inserite in un Mario e Sonic, ma anche così è davvero divertente. Volete mettere l’adrenalina del battere un omaccione grande e grosso con una graziosa fanciullina nella boxe dopo aver piantato un bel pugno speciale?

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Una normalissima bimba ultraventenne che ha trafficato con computer e videogiochi per tutta la vita. Nel tempo libero le piace scarabocchiare sul suo sketchbook.

Akiba Gamers su Twitch

Scopri il palinsesto settimanale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*