MACROSS arriverà in Occidente grazie a nuovi accordi con Big West

Macross

Big West, Studio Nue e Harmony Gold USA sono finalmente giunte a un accordo importante, che permette l’immediata distribuzione globale di sequel e film del longevo franchise Macross. Inoltre, quanto firmato lo scorso 1 marzo conferma anche che Big West “non si opporrà alla release giapponese del film live-action di Robotech”.

Big West, stando a quanto riportato, non contesterà più l’accordo di licenza esclusiva di Harmony Gold USA con Tatsunoko per l’uso di personaggi e mecha designs utilizzati per Robotech e relativo merchandise fuori dal Giappone. Inoltre, le compagnie collaboreranno per distribuire i futuri progetti di Macross e Robotech.

Vi state chiedendo il perché di tutto questo? In caso siate nuovi alla vicenda, nel lontano 1984 Tatsunoko concesse in licenza vari diritti a Harmony Gold USA, che comprendevano anche la prima serie di Macross, Mospeada e Southern Cross. Harmony Gold USA editò i tre show in un’unica serie, Robotech, rilasciata nel 1985. Il tutto ha prodotto anche qualche sequel.

Nel 1998 però Big West fece causa a Tatsunoko, dichiarando che solo lei (e quindi non Tatsunoko) aveva i diritti per realizzare sequel di Macross. Nel 2003 la corte di espresse a favore di Tatsunoko, affermando che lo studio aveva il diritto di concedere in licenza Macross ad Harmony Gold USA, ma che a Big West restavano comunque i diritti dei 41 pezzi di design originale usati dalla serie.

Fonte: Macross.jp, Robotech.com via Anime News Network

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*