METAL WOLF CHAOS XD – Recensione

Gli Stati Uniti d’America sono in pericolo a causa di un colpo di stato e solo una persona è in grado di riportare la libertà ai suoi cittadini: il Presidente Michael Wilson, a bordo del suo letale mecha Metal Wolf!

METAL WOLF CHAOS XD - Recensione

METAL WOLF CHAOS XD - RecensioneLa libertà degli Stati Uniti d’America è in pericolo, minacciata dalle manie di protagonismo dell’uomo chiamato Richard Hawk, vice-presidente che ha conquistato il paese sfruttando l’immenso esercito di soldati e macchine da guerra a sua disposizione. Solo un uomo può fermare la sua folle presa di potere: Michael Wilson, quarantasettesimo Presidente degli Stati Uniti spinto dal senso del dovere e da una sana vena di follia. Per farlo dovrà salire a bordo del suo potentissimo mecha “Metal Wolf” e avanzare, armato fino ai denti, contrastando il colpo di stato di Hawk per ridare libertà ai suoi cittadini. Perché lui è il Presidente degli Stati Uniti d’America.

Prima ancora di finire sulla bocca di tutti per titoli divenuti un must come DARK SOULS e Bloodborne, FromSoftware ha deliziato gli appassionati di giochi mecha in Giappone e nel resto del mondo con la serie di ARMORED CORE, come probabilmente già saprete. Lasciandolo confinato al solo territorio giapponese, nel 2004 il team guidato dal director Keiichiro Ogawa ha sfornato una piccola perla esclusiva per la prima Xbox: parliamo di METAL WOLF CHAOS, uno sparatutto in terza persona che fa di un esasperato patriottismo americano e un’atmosfera piuttosto caciarona le sue punte di diamante. Un titolo che, in termini di trama e ambientazione, non è da prendere troppo sul serio, ma che è in grado di divertire gli amanti dell’assurdo e, perché no, delle sfide particolarmente impegnative.

  • Titolo: METAL WOLF CHAOS XD
  • Piattaforma: PlayStation 4, Xbox One, PC / Steam
  • Versione analizzata: PlayStation 4 (EU)
  • Genere: Third Person Shooter
  • Giocatori: 1
  • Software house: Devolver Digital
  • Sviluppatore: FromSoftware, General Arcade
  • Lingua: Inglese (testi e doppiaggio)
  • Data di uscita: 6 agosto 2019
  • Disponibilità: digital delivery
  • DLC: skin aggiuntive per il Metal Wolf
  • Note: dal sito ufficiale è possibile scaricare un papercraft per costruire un Metal Wolf di 30 cm; edizione fisica PS4 rilasciata in quantità limitate negli Stati Uniti

Ben quindici anni dopo il rilascio sulla piattaforma Microsoft, il titolo mecha di FromSoftware sbarca finalmente in Occidente, sotto la bandiera di Devolver Digital, col nome di METAL WOLF CHAOS XD. Giunta lo scorso 6 agosto in Europa su PlayStation 4, Xbox One e PC, questa edizione rimasterizzata del gioco è stata tirata a lucido e dotata di una risoluzione widescreen adatta alle piattaforme di attuale generazione, texture migliori, supporto al 4K e diversi altri miglioramenti dal punto di vista tecnico e del gameplay, che lo rendono sì, un titolo piuttosto datato, ma godibile una decade e mezza dopo anche da chi non ne aveva mai sentito parlare.

METAL WOLF CHAOS XD - Recensione

Non c’è niente da ridere. O quasi

Quando la key inviataci per recensire METAL WOLF CHAOS XD è apparsa nella casella e-mail redazionale ho pensato letteralmente: “Ma che ca**o c’hai da ridere?” (riferendomi, ovviamente, all’XD alla fine del titolo, scambiato per il celebre e ormai imbarazzante emoticon). Beh, una volta scaricato e installato questo porting di Devolver Digital e General Arcade ho realizzato che c’è davvero poco da stare allegri, per così dire: le vicende di Wilson e della sua scattante segretaria ci vedono impegnati in missioni davvero toste e prive di una qualsiasi guida o tutorial, praticamente assenti nella missione inaugurale. Il primo, piacevolissimo, impatto è stato molto simile a quello che provavo ogni qual volta mi interfacciavo per la prima volta a un nuovo cabinato in sala giochi da bambino: nessuno a spiegarti come funziona, quali tasti premere e cosa fare per andare avanti evitando di morire dopo pochi istanti, solo un adrenalinico senso di scoperta e la paura di perdere un gettone.

METAL WOLF CHAOS XD - Recensione

Calandoci nei panni del tamarrissimo mecha del Presidente, dovremo farci strada fra orde di soldati, veicoli armati e unità robotiche nemiche, partendo dalla Casa Bianca e solcando i cieli del Gran Canyon, le strade desolate di Phoenix, i grattacieli di New York e le spiagge di Beverly Hills, per oltre una dozzina missioni della durata di circa mezz’ora l’una — che spesso vi ritroverete a ricominciare una seconda volta perché sconfitti in maniera indegna. Nonostante i toni del titolo siano apparentemente seri, non potrete fare a meno di sorridere per via dell’assurdo punto di vista dei giapponesi sul popolo americano e per i dialoghi infarciti di citazioni e battute (volutamente?) ridicole, che si sposano alla perfezione con l’atmosfera da B-movie di cui l’intero titolo è permeato.

Presidente…? Presidente…?

Il nostro fierissimo alter-ego si ritroverà ad essere l’ultimo baluardo che separa gli USA dal baratro verso la schiavitù perpretata attraverso il sapiente utilizzo di fake news, che dipingeranno il nostro Metal Wolf come nemico pubblico numero uno e il vice-presidente Hawk come unica ancora di salvezza; per tutta la durata del gioco verremo infatti perseguitati dall’elicottero del notiziario della DNN e dal repoter Peter MacDonald e, alla fine di ciascuna missione, assisteremo a veri e propri telegiornali che traviseranno le nostre azioni additandoci come terroristi. E come dargli torto? La particolarità più caratteristica di METAL WOLF CHAOS XD è la possibilità di distruggere quasi tutto ciò che ci circonda, strutture, edifici, veicoli e chi più ne ha più ne metta. Per farlo, a nostra disposizione, avremo — oltre alla forza bruta del nostro mecha — ben otto armi differenti che potremo impostare nel “Garage” prima di ogni missione, scegliendo fra decine e decine di bocche da fuoco differenti, che potremo sviluppare e fabbricare sfruttando il denaro e il metallo che raccoglieremo in ogni stage, nonché il valido aiuto degli scienziati-ostaggio che, in stile METAL SLUG, potremo scovare e trarre in salvo.

Le otto armi scelte saranno stipate nelle possenti braccia del Metal Wolf, che potranno essere letteralmente “aperte” a ghiera con la pressione del tasto cerchio (nella versione PlayStation 4 da noi analizzata) per permetterci la selezione, mentre l’utilizzo vero e proprio avverrà tramite i pulsanti L2 e R2. Questo sistema risulta alquanto ostico anche nelle fasi avanzate di gioco, perché ci costringerà, in maniera piuttosto macchinosa, ad aprire l’arsenale, riconoscere le armi che ci sembrano più adatte alla situazione unicamente dalla sigla e dalla sagoma, chiudere la ghiera e finalmente aprire il fuoco. Lo considero senza ombra di dubbio il problema più grande in termini di gameplay che, spesso e volentieri, ci porterà alla sconfitta. Per superare gli stage più avanzati, inoltre, saremo chiamati a svolgere un po’ di grinding, necessario ad accumulare denaro e materiali utili a creare armi più avanzate, con tempi di ricarica minori, più munizioni a disposizione e, ovviamente, una potenza di fuoco maggiore che ci servirà a contrastare i potentissimi boss.

METAL WOLF CHAOS XD - Recensione

God Bless Mr. President

Il titolo di FromSoftware approda su PlayStation 4, Xbox One e PC in una veste inedita ma allo stesso tempo fedele a ciò che il prodotto originale rappresentava quindici anni fa, sfruttando le tecnologie attuali ma mantenendo intatto l’aspetto poligonale, i 30 fps e quel sentore di titolo arcade dei primi anni duemila. Nonostante i controlli risultino lo scoglio più duro con cui dover fare i conti nelle prime ore di gioco, vi ritroverete immediatamente a vostro agio missione dopo missione, e poserete il joypad solo per alzare le mani al cielo e imprecare ogni divinità a disposizione nelle missioni più ostiche. Il doppiaggio di questo porting è il medesimo del titolo uscito nel 2004 in Giappone: in lingua inglese, decisamente sopra le righe e caricaturale ma, purtroppo, ho riscontrato alcuni problemi di bilanciamento del volume che si alzava e abbassava senza motivo durante le missioni e con l’inizio di ogni filmato; mi auguro che si tratti di una problematica facilmente risolvibile tramite i prossimi aggiornamenti.

A chi consigliamo METAL WOLF CHAOS XD?

Gli amanti del genere mecha, degli sparatutto in terza persona e delle assurdità che solo i developer giapponesi possono partorire, troveranno pane per i loro denti in METAL WOLF CHAOS XD. Lo consiglio a chi è alla ricerca di un gioco breve e impegnativo, da non prendere troppo sul serio a livello di trama, ma soprattutto a chi ama i film di serie B e la loro inconfondibile atmosfera trash. Soddisferà inoltre gli amanti dei titoli arcade, di quelli giocabili e rigiocabili ogni qual volta se ne senta il bisogno.

METAL WOLF CHAOS XD - Recensione

  • Divertente e assuefacente
  • Possiede una strana vena umoristica
  • Tirato a lucido per la generazione corrente…

  • …Ma rimane pur sempre un titolo di 15 anni fa
  • Alcune imprecisioni nella mira
  • Qualche problema con il volume dell’audio
  • A tratti può risultare frustrante
METAL WOLF CHAOS XD
3.7

Uno shooter d’altri tempi, assurdo e impegnativo

L’arrivo di METAL WOLF CHAOS XD in Occidente è un piccolo miracolo per tutti quelli che ormai da anni avevano perso le speranze di poterci giocare senza spendere una fortuna. La firma ormai consolidata di FromSoftware ha permesso a Devolver Digital di confezionare un prodotto che incontrerà le aspettative dei fan e che è in grado di accogliere a braccia aperte anche chi non ne aveva mai sentito parlare. Con un prezzo budget e distribuito in Europa unicamente tramite download, risulta un acquisto obbligato in occasione dei prossimi saldi sugli store digitali. Tuttavia, a meno che non siate estremamente allenati, sappiate che non sarà una passeggiata portarlo a termine: dopotutto, il marchio di fabbrica del team di sviluppo originale non è certo l’eccessiva semplicità.

Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*