TRIALS of MANA: gli sviluppatori rivelano la durata del gioco

TRIALS of MANA demo / Aprile 2020

In un’intervista a Gematsu i producer Shinichi Tatsuke e Masaru Oyamada hanno rivelato alcuni importanti dettagli su TRIALS of MANA e il suo sviluppo.

I due sviluppatori hanno svelato i retroscena che hanno portato ad alcune scelte, come la rimozione del co-op, ma anche altre informazioni importanti come ad esempio la sua durata, oltre ad aver svelato i loro pensieri sul futuro della saga. Scopriamo assieme tutti i punti più salienti dell’intervista.

TRIALS of MANA – Intervista a Shinichi Tatsuke e Masaru Oyamada

Il remake è stato modificato in modo che possa essere apprezzato al meglio anche da chi non conosce l’originale o la serie di Mana in generale? È stato difficile bilanciare una riproduzione fedele con uno stile di gioco moderno?

Sì, abbiamo fatto diverse modifiche. Ad esempio ora nella selezione dei personaggi iniziali troveremo più informazioni sia sulla loro storia personale che sul loro ruolo in battaglia. Inoltre nell’originale potevamo vedere solo le origini del personaggio principale scelto, mentre ora potremo vedere anche quelle dei sue due compagni di squadra in modo da avere una visione più ampia del mondo di gioco.

È stato difficile riuscire a bilanciare il tutto. Ci sono degli elementi che funzionano in modo naturale all’interno dell’originale e che non rendevano al meglio all’interno di questo remake. Un esempio tra tutti è il sistema di combattimento, che abbiamo dovuto riadattare per funzionare al meglio in un ambiente tridimensionale. Questo però ci ha permesso di implementare abilità come attacchi in salto, combo aeree e tanto altro.

Come mai avete deciso di eliminare la possibilità di giocare in co-op all’interno del remake? È una funzione che pensate di rilasciare in futuro tramite un aggiornamento?

Semplicemente l’originale, con la sua visuale isometrica, permetteva meglio le funzionalità multiplayer offline. Con il passaggio al tridimensionale e la visuale spostata dietro i personaggi, avremo dovuto modificare radicalmente lo stile di gioco che abbiamo creato e implementare funzionalità non presenti all’interno del gioco in modo che possa essere apprezzato anche giocato in compagnia. Al momento non abbiamo alcun piano di rilasciare una modalità multiplayer, nemmeno in futuro.

Quanto ci vuole per completare il gioco in modo da scoprire la storia personale di ogni personaggio? E perché pensate che il sistema di personaggi sia unico?

Ci vorranno circa tra le 25 e le 30 ore. Il modo di narrare la storia è unico in quanto questa cambierà in base a quali personaggi sceglieremo all’inizio della nostra avventura. Giocando con personaggi differenti ci darà la possibilità di scoprire nuovi aspetti della storia. Inoltre in TRIALS of MANA potremo scegliere per ben due volte se proseguire con il cammino della luce o perseguire la strada dell’oscurità, permettendo ai personaggi di accedere a delle classi esclusive che saranno ben differenziate tra loro. Saranno poi presenti quattro classi esclusive che si sbloccheranno solo dopo aver completato il gioco, dando al titolo una rigiocabilità unica.

Avete pianificato il rilascio di contenuti aggiuntivi?

Al momento non abbiamo pianificato nessun contenuto aggiuntivo.

Avete già pensato al futuro della serie Mana?

Certo, e stiamo pensando a come poter continuare. Ma prima di tutto vorremmo che i giocatori si divertissero con TRIALS of MANA e ci piacerebbe sapere le loro opinioni sul futuro della serie.

Vi ricordiamo che TRIALS of MANA è in arrivo il prossimo 24 aprile su PlayStation 4, Nintendo Switch e PC, se volete saperne di più sul titolo potrete trovare tantissime informazioni nel nostro precedente articolo.

Fonte: SQUARE ENIX via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

ilCirox Channel - Memes, offerte e games