R-TYPE FINAL 2 – Provato lo shoot’em up di Granzella prima della recensione

A quasi vent'anni dall'ultimo capitolo principale, la saga di R-Type fa il suo debutto su console moderne con R-Type Final 2, ecco la nostra anteprima

R-TYPE FINAL 2 - Provato lo Shoot’em Up di Granzella prima della recensione

Il genere degli shooter – a scorrimento verticale, orizzontale o che dir si voglia – è uno di quelli che gli appassionati di videogiochi di una certa età come il sottoscritto ricordano con maggiore affetto e nostalgia, in particolare per gli intensi pomeriggi e le serate passate davanti ai cabinati arcade. L’avvento delle console casalinghe e la mancanza di innovazioni hanno purtroppo decretato il declino di questo meraviglioso genere, uno di quelli che meglio rappresenta l’essenza più pura del gaming a parere di chi scrive, tanto da essere considerato morto dalla maggior parte di pubblico e critica. Ecco però che, in un 2021 ancora sotto la morsa della pandemia e a quasi vent’anni dall’ultimo capitolo della serie principale, il prossimo 30 aprile debutterà in Occidente, su un cospicuo numero di piattaforme (PlayStation 4, PC, Xbox, Nintendo Switch), R-Type Final 2.

Stiamo parlando della nuova iterazione di uno dei franchise che hanno fatto la storia degli shooter. Il primo R-Type, pubblicato nel lontano 1987, ha rivoluzionato il genere ed è stato celebrato per il suo gameplay assuefacente e per il suo alto tasso di sfida. Riuscirà R-Type Final 2, seguito diretto del primo capitolo uscito nel 2003 su PlayStation 2, a portare avanti l’eredità del brand e a dimostrare che gli shooter possono ancora dire la loro in un’epoca che sembra averli dimenticati? In attesa della recensione completa che arriverà nelle prossime settimane, ecco la nostra anteprima del titolo basata sulla demo disponibile dallo scorso 2 aprile su PlayStation 4 e Nintendo Switch.

R-TYPE FINAL 2 - Provato lo Shoot’em Up di Granzella prima della recensione

R-Type Final 2, sviluppato da Granzella su licenza di Irem (i creatori originali della serie) e pubblicato in Occidente da NIS America, si inserisce nel filone dei suoi predecessori continuando il racconto della lotta dell’umanità contro il malvagio Impero Bydo. Una guerra tutt’altro che conclusa, e che il giocatore dovrà portare avanti in questo titolo al comando di una potente navicella spaziale. La presenza di alcune brevi cutscene doppiate – con tanto di possibilità di scelta tra audio inglese e giapponese – sembra suggerire una certa enfasi anche sul lato narrativo. Un aspetto che sicuramente contribuisce a far spiccare R-Type Final 2 rispetto ad altri esponenti del genere e che non vedo l’ora di valutare meglio con il gioco completo sottomano.

Ma concentriamoci sul vero fulcro del titolo, il suo gameplay. La demo ci permette di giocare un solo livello, la missione iniziale, affrontabile tutte le volte che si vuole con tre navicelle differenti e con quattro gradi di difficoltà. In ordine crescente: Addestramento, Bambini, Normale e Bydo, più un quinto (R-Typer) non sbloccato. Come potete notare, R-Type Final 2 si presenta localizzato interamente in italiano per quanto riguarda i testi, anche se alcune schermate mostrano ancora i termini in lingua inglese. Un altro aspetto che potrò valutare con consapevolezza solo in fase di recensione. Oltre a ciò, nella demo è possibile consultare il tutorial sulle principali meccaniche di gioco, impostare le opzioni e accedere al Museo R, una sezione davvero intrigante dove vengono visualizzate tutte le astronavi sbloccate e personalizzate durante il corso della storia.

R-TYPE FINAL 2 - Provato lo Shoot’em Up di Granzella prima della recensione

La customizzazione della propria navicella è, infatti, uno dei marchi di fabbrica di questa serie, e i precedenti titoli permettevano di accedere a un numero davvero cospicuo di astronavi. Sono certo che anche in questo nuovo capitolo tale caratteristica sarà mantenuta. Per il resto, R-Type Final 2 è uno sparatutto a scorrimento orizzontale dalla struttura abbastanza classica. Il giocatore prende il controllo del mezzo e può spostarsi liberamente nell’area visualizzata, che scorre lentamente da sinistra verso destra, occupandosi di fare fuori le orde di Bydo che gli si parano davanti. È possibile modificare la velocità della navicella in qualsiasi momento con i tasti dorsali del pad, fino a quattro livelli, in modo da gestire al meglio l’esplorazione e schivare i colpi dei nemici.

R-Type Final 2 mette a disposizione del giocatore un numero elevato di opzioni offensive che rendono il titolo davvero variegato e fortemente incentrato sulla strategia e sulla scelta dell’arma migliore per ogni situazione. Oltre al colpo classico, che è possibile caricare, e al colpo veloce, la navicella può usufruire del cosiddetto Force, un’altra delle meccaniche storiche di questa serie. Si tratta di un accessorio di forma sferica potenziabile con differenti power-up (Cristalli Laser, Bit, Cannone Onda) ottenibili sconfiggendo i nemici, e che si può sganciare in qualsiasi momento dall’astronave per funzionare in autonomia. Allo stesso modo, è possibile richiamarlo e agganciarlo nella parte posteriore o anteriore del mezzo, con funzioni differenti a seconda della situazione.

Purtroppo la presenza di un solo livello, per giunta abbastanza corto, nella demo disponibile sugli store non mi ha permesso di avere un’idea anche solo preliminare dell’efficacia di tutte queste meccaniche, ma sono certo che la versione definitiva, grazie alla maggior varietà di nemici e situazioni e all’influenza del livello di difficoltà sulla conformazione di queste ultime, saprà garantire un elevato livello di sfida a tutti gli appassionati del genere shooter.

R-TYPE FINAL 2 - Provato lo Shoot’em Up di Granzella prima della recensione

Ho scelto di provare la demo su PlayStation 4, piattaforma sulla quale recensirò anche la versione completa, e graficamente parlando il primo titolo moderno della serie R-Type brilla in tutto il suo splendore grazie alla magia dell’Unreal Engine 4, il motore sul quale è stato realizzato. Non si tratta certamente di un gioco che farà scuola sotto questo punto di vista, ma volare attraverso i livelli falciando orde su orde di nemici è una vera goduria grazie all’ottimo livello di dettaglio e soprattutto all’abbondanza di effetti particellari, in un’esplosione di colori e fuochi che, almeno in questa demo, si mantiene fluida senza andare incontro a evidenti cali di frame. Non posso che augurarmi che la versione finale confermi questa mia ottima impressione. Anche musicalmente R-Type Final 2 ha saputo colpirmi, grazie a una colonna sonora molto evocativa, di stampo prevalentemente elettronico, che mescola abilmente melodie synth e techno.

Insomma, nonostante un solo livello, pur affrontabile con più navicelle e differenti gradi di difficoltà, sia davvero troppo poco per farsi un’idea della bontà del titolo, questa prova di R-Type Final 2 mi ha decisamente convinto e non vedo l’ora di affrontare il resto delle sfide che il prodotto di Granzella saprà offrirmi nella versione definitiva. Il ritorno di una delle saghe più famose degli shooter si prospetta davvero promettente, se non trionfale, e in attesa del mio parere finale non posso che consigliarvi di tenerlo d’occhio se siete appassionati di questo genere videoludico.


R-Type Final 2 sarà disponibile il prossimo 30 aprile su PlayStation 4, Nintendo Switch, Xbox One, Xbox Series X|S e PC.

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessio Micheloni
Figura mitologica, ossessionata da tutto ciò che proviene dal Giappone, che ama districarsi abilmente fra mille impegni e buoni propositi che non realizzerà mai. Quando non impugna un controller, si diletta a guardare anime e leggere manga di dubbio gusto. Tendenzialmente ti vuole bene, soprattutto se gli parli delle serie Trails, Ys e Utawarerumono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*