My Hero Academia è stato bandito temporaneamente dalla Cina a causa del nome di un personaggio

My Hero Academia

Tutti i prodotti legati al franchise di My Hero Academia (manga, anime e videogiochi) sono stati ritirati o bloccati dai vari store digitali in Cina, a causa della rivelazione del nome di un personaggio che ha attirato le ire del governo e dei cittadini cinesi.

Attenzione! Anche se il nome del personaggio verrà cambiato il prima possibile a seguito della protesta, i paragrafi che seguono possono comunque essere interpretati come spoiler. Leggete a vostra discrezione.

Il dottor Daruma Ujiko è ben conosciuto da tutti i fan del fumetto di Kohei Horikoshi, e nell’ultimo capitolo rilasciato dall’autore è stato svelato il suo vero nome: Shiga Maruta. L’appellativo Maruta, apparentemente innocuo per molti giapponesi, riapre invece vecchie ferite nella Cina continentale: La parola Maruta, traducibile come “pezzo di legno” veniva infatti usata dispregiativamente dai soldati giapponesi dell’Unità 731 dell’esercito imperiale e non solo, per definire i prigionieri di guerra cinesi su cui venivano effettuati terribili esperimenti, riferendosi al fatto che i campi di prigionia venivano mascherati come segherie.

Durante la Seconda guerra sino-giapponese, avvenuta prima e durante il contesto globale della Seconda Guerra Mondiale, il Giappone invase la Cina e quest’Unità 731 venne stabilita principalmente in Manciuria, rimanendo attiva fino al 1945, anno della fine della guerra. Sebbene Horikoshi si sia scusato pubblicamente e abbia ammesso di essere stato insensibile con la scelta di questo nome, ha anche aggiunto che non era ovviamente sua intenzione riportare alla mente le atrocità della guerra.

Dal canto suo anche la casa editrice Shueisha si è scusata pubblicamente, promettendo che il nome del personaggio verrà cambiato immediatamente e i volumi verranno ristampati per rispecchiare questo cambiamento. La protesta era partita già da prima del rilascio ufficiale del capitolo incriminato sul territorio cinese, a causa di alcune scan distribuite illegalmente e tradotte in cinese. Diversi studi cinesi stavano lavorando a mobile game e tie-in di My Hero Academia, tutti progetti attualmente messi “in ghiaccio” ma non cancellati: sembra che una volta che il manga verrà aggiornato le restrizioni verranno eliminate anche su giochi già esistenti come MY HERO ACADEMIA: ONE’S JUSTICE.

Fonte: Shueisha, Kohei Horikoshi via Anime News Network

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Lorenzo Repetto
Ossessionato da Le Bizzarre Avventure di JoJo e METAL GEAR, pensa che TRIGGER abbia salvato gli anime. Darebbe tutto pur di vedere un nuovo Trauma Center e il finale di Berserk; generalmente ti vuole bene, finchè non gli parli di microtransazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*