Il nuovo Zelda per 3DS sarà il primo gioco 3D a 60FPS

the legend of zelda a link to the past 2

Eiji Aonuma prende oggi la parola per spiegare meglio alcuni dettagli riguardante il successore di The Legend of Zelda: A Link to the Past in arrivo a fine anno su Nintendo 3DS. Il gioco, che è in sviluppo dal 2011, avrà alcune caratteristiche esclusive come il passaggio dai classici 30 frame per secondo ai 60FPS mai visti prima d’ora in un titolo 3D.

In una recente intervista, lo stesso Aonuma spiega l’importanza di creare giochi con un alto livello di frame rate, specialmente quando si parla di titoli 3D, ovviamente rassicurando i giocatori che non saranno obbligati ad usarlo per risolvere puzzle o altri enigmi necessari per il proseguimento del gioco, così come da lui affermato:

“Questo titolo girerà in 60FPS, a differenza di tutti gli altri giochi 3D visti fin ora, che erano tutti a 30FPS. Più veloce sarà il frame rate, più stabile sarà l’effetto del 3D, quindi in definitiva 60FPS sono una gran cosa. Ci sono giocatori a cui non piace il 3D e lo tengono sempre spento, per questo non ci sarà niente di niente che richiede obbligatoriamente il 3D, potrà tranquillamente essere giocato senza.”

/blockquote>
Fonte: My Nintendo News

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*