Kyoto Animation: un incendio doloso ha causato decine di morti e feriti

Incendio Kyoto Animation

NHK News, seguito a ruota dai media di tutto il mondo, ha riportato la notizia secondo cui, giovedì 18 luglio alle 10:00 (ora locale giapponese) un uomo di 41 anni avrebbe appiccato un incendio utilizzando del carburante presso l’edificio principale di Kyoto Animation, uno degli studi d’animazione più prestigiosi del Giappone. Al momento dell’incendio i dipendenti presenti nello stabile erano circa 70; secondo alcune fonti, 23 sarebbero i morti, mentre circa 40 sarebbero i feriti.

AGGIORNAMENTO: secondo le ultime notizie diffuse dalla stampa locale, il numero delle vittime è salito a 33.

Secondo il notiziario The Mainichi Shimbun, l’uomo sospettato di aver appiccato il fuoco avrebbe subito anch’egli delle ferite, dopodiché avrebbe confessato e sarebbe stato condotto in ospedale, dove sarà interrogato dalle forze dell’ordine.

Noto anche come KyoAni, lo studio fondato nel 1981 è famoso per opere come La malinconia di Haruhi Suzumiya, CLANNADLucky Star, K-ON! e il recente Violet Evergarden. Il primo studio di Kyoto Animation, quello colpito dall’incendio, si trova nei pressi della Rokujizō Station nella città di Uji, Kyoto. La compagnia possiede anche un ufficio direttivo, un edificio per il secondo studio e un ulteriore ufficio a Tokyo, nonché ulteriori immobili in altrettante location per la sussidiaria Animation DO.

Fonte: NHK News Web (foto di TIME)

Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.
Playasia - Play-Asia.com: Online Shopping for Digital Codes, Video Games, Toys, Music, Electronics & more

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*