Catherine: Full Body – Nuovi dettagli su difficoltà e personaggi

Catherine: Full Body

ATLUS ha rilasciato tantissimi nuovi dettagli per Catherine: Full Body, che arriverà in Giappone il 14 febbraio su PlayStation 4 e PS Vita.

Tra le novità rilasciate dalla software house troviamo tante informazioni sulle difficoltà del gioco e sui suoi personaggi, oltre che tantissime nuove immagini che potrete trovare a fine articolo. Ma scopriamo insieme tutti i nuovi dettagli.

Catherine: Full Body – Novità

Safety Mode

Per tutti i giocatori curiosi di scoprire le vicende del titolo, ma insicuri sui puzzle da affrontare, Catherine: Full Body introdurrà tre preziosissime novità per facilitare l’esperienza di gioco.

Scegliendo la difficoltà Safety, la più bassa tra tutte, sarà impossibile effettuare Game Over all’interno del gioco. Con questa difficoltà avremo accesso all’opzione “Skip Feature”, che ci permetterà di saltare i livelli non completati e andare direttamente alla parti narrative del gioco. Sia con la difficoltà Safety che con la difficoltà Easy avremo invece accesso all’opzione “Auto-Play”, grazie alla quale Vincent si muoverà automaticamente durante le sessioni puzzle.

Colosseum & Babel

Nella modalità Colosseum di Catherine: Full Body sono stati inseriti tantissimi nuovi oggetti. Questi appariranno randomicamente all’interno del gioco e, utilizzandoli correttamente, potranno darci dei discreti vantaggi. Dovremo però stare attenti perché saranno presenti anche oggetti capaci di danneggiare il giocatore e farci incappare in una sconfitta inesorabile.

Sarà inoltre possibile scegliere se giocare alla modalità Babel da soli o con un amico, co-operando con lui per il raggiungimento del punteggio più alto. Man mano che andremo avanti all’interno della trama principale, sbloccheremo nuovi stage per questa modalità.

The Stray Sheep

Il bar frequentato dai personaggi di Catherine: Full Body e che potremo visitare durante le parti ambientate nel mondo reale. Man mano che il tempo scorre, gli ospiti del bar cambieranno. Ci sono inoltre degli eventi e dei personaggi che non potremo incontrare se prima non avremo effettuato delle azioni specifiche all’interno del gioco.

Vincent potrà ordinare da bere all’interno del bar, più lo faremo bere e maggiore saranno le probabilità che si ubriachi. In questo stato però il personaggio avrà dei vantaggi considerevoli durante le sessioni puzzle, in quanto la sua velocità aumenterà considerevolmente. All’interno del bar potremo inoltre sentire brani iconici di ATLUS grazie al juke-box o divertirci con il cabinato Super Rapunzel.

Erica Anderson

  • doppiatrice: Junko Minagawa

Cameriera del The Stray Sheep che, grazie alla sua attitudine allegra, è la preferita tra tutti i clienti del bar. È stata compagna di scuola di Vincent e degli altri protagonisti. Estremamente gentile, è lei che inviterà Rin nel bar quando scoprirà che la ragazza ha perso la memoria. Nonostante ciò riesce ad essere rigida e severa con i protagonisti, soprattutto quando si parla di incubi, e pare proprio che sia la più matura tra tutti.

Boss

  • doppiatore: Norio Wakamoto

Proprietario del The Stray Sheep che sta tranquillamente dietro al bancone ad ascoltare i pettegolezzi dei suoi clienti. È arrivato da poco in città ed ha subito aperto un bar in circostanze misteriose. Nonostante il suo dubbio gusto nel vestire, è un grande ammiratore del gentil sesso. Pare che persino Erica abbia paura delle sue avances. Si dice che porti gli occhiali da sole per nascondersi da un problema avuto con una donna del suo passato.

Trisha

  • doppiatrice: Junko Minagawa

Misterioso personaggio che funge da narratore all’interno del gioco, pur non avendo alcun legame con la sua trama principale… o almeno così sembra. In realtà è lei che ha orchestrato alcuni eventi dietro le quinte. Spesso parla direttamente col giocatore. Se giocheremo il titolo in tutte le sue modalità, potremo persino scoprire i misteri che la circondano.

Fonte: ATLUS via Gematsu

Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*