PlatinumGames punta a sbalordire con un nuovo engine proprietario

PlatinumGames

Aggiornando il proprio sito ufficiale con un articolo relativo al nuovo studio di Tokyo con un’intervista allo staff, PlatinumGames ha annunciato di essere al lavoro su un nuovo motore grafico proprietario, provvisoriamente indicato col nome di PlatinumEngine.

PlatinumGames ha utilizzato un motore grafico “fatto in casa” sin dal giorno dell’inaugurazione, tuttavia giochi più moderni richiedono un livello qualitativo decisamente più alto rispetto a quello di qualche anno fa, con una maggiore quantità di oggetti sullo schermo, maggiori potenzialità espressive. Dopo aver effettuato dei test con motori esterni come Unreal Engine o Unity, PlatinumGames ha realizzato che mancavano di alcune funzionalità di cui avevano bisogno. Certo, potevano essere implementate, ma avrebbero richiesto di volta in volta sforzi maggiori piuttosto che creare un motore grafico tutto nuovo che possa adattarsi alle esigenze specifiche dello studio. Lo scopo del PlatinumEngine è quello di aiutarli a realizzare avvicenti titoli tripla A in maniera più agile ed efficiente. Al momento ci sono sei-sette persone al lavoro unicamente sul motore grafico per estenderne le capacità.

Il desiderio di Platinum non è quello di concentrarsi unicamente sul genere per i quali lo studio è divenuto famoso, ovvero gli action game, piuttosto quello di mettersi alla prova con nuovi fronti, con qualcosa che non hanno mai realizzato prima d’ora.

Trovate l’intervista completa, in lingua inglese, sul sito ufficiale di PlatinumGames Tokyo.

Fonte: PlatinumGames

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*