SoulCalibur VI: sviluppo completo al 70%

SoulCalibur VI

Nell’ultimo numero di Weekly Famitsu sono state rilasciate tantissime nuove informazioni su SoulCalibur VI, in arrivo nel corso del 2018 su PlayStation 4, Xbox One e PC.

La rivista contiene infatti un’intervista con i producer Motohiro Okubo e Michinori Ozawa e il director Yoshiyuki Takahashi, che hanno rivelato alcuni importantissimi dettagli sullo sviluppo e il concept con il quale è stato creato questo nuovo capitolo. Ma scopriamo insieme tutte le nuove informazioni.

SoulCalibur VI – intervista Weekly Famitsu

  • lo sviluppo è completo al 70%;
  • la software house ha deciso di creare questo nuovo capitolo non solo per celebrare il ventesimo anniversario della saga, ma anche per il fatto che sulla generazione odierna di console non ci sia ancora un picchiaduro basato sulle armi;
  • una delle parole chiavi durante le fasi di sviluppo è stata “reboot“, la software house ha infatti revisionato tutti i precedenti capitoli e utilizzato i feedback ricevuti dai giocatori;
  • uno degli obiettivi della software house è quello di far conoscere meglio ai giocatori l’universo di SoulCalibur non solo per attirare chi non conosce la saga, ma anche per farla apprezzare nuovamente a chi già la conosce;
  • il 1586, era in cui è ambientato il gioco, è ricca di racconti ancora non conclusi;
  • verranno introdotti nuovi personaggi che saranno fondamentali all’interno della trama;
  • in merito al fatto se nel titolo vedremo personaggi ospiti, come avvenuto per gli altri capitoli della saga, il team di sviluppo ha semplicemente risposto “restate in attesa di ulteriori notizie“;
  • i fondamentali del sistema di combattimento non sono cambiati, ritornerà il sistema di attacchi orizzontali, attacchi verticali e corsa;
  • la velocità e la fluidità dei movimenti è stata enfatizzata in modo che chiunque possa giocare senza troppi problemi;
  • l’innovazione più significativa è l’introduzione del “Reveresal Edge“, particolare azione che coniuga offesa e difesa per riuscire a controbattere qualsiasi tecnica avversaria con la pressione di un tasto. Padroneggiando questa tecnica anche i principianti riusciranno ad anticipare le mosse degli avversari;
  • tra gli obiettivi della software house c’è quello di rendere divertenti i combattimenti con la spada anche semplicemente premendo un tasto;
  • le mosse Critical Edge faranno il loro ritorno. Mentre in SoulCalibur V per utilizzarle serviva immettere una combinazioni di tasti complicata, in questo nuovo capitolo basterà la semplice pressione di un tasto;
  • verrà introdotto anche il sistema “Soul Charge“, che andrà in coppia con le mosse “Critical Edge“. Grazie all’utilizzo di una particolare barra potremo potenziare i nostri personaggi per un breve periodo di tempo. Inoltre in questo stato avremo a nostra disposizione nuove tecniche di combattimento;
  • è in fase di sviluppo anche un sistema di “Lethal Hit“, pensato soprattutto per i giocatori più esperti. Rispettando determinate condizioni mentre utilizziamo delle tecniche specifiche potremo creare combo devastanti, caratterizzate da un effetto slow motion e capaci di distruggere l’equipaggiamento dell’avversario;
  • ad esempio distruggendo l’equipaggiamento inferiore di Mitsurugi quest’ultimo rimarrà in biancheria intima. Se invece distruggeremo gli accessori per la testa indossati da Sophitia cambierà la sua capigliatura;
  • i Guard Impact possono essere utilizzati senza consumare nessuna barra;
  • la software house vorrebbe implementare una modalità tutorial;
  • secondo il team di sviluppo la possibilità di creare un personaggio è una parte fondamentale della saga, che non può essere rimossa. Al momento però non vogliono svelare ulteriori dettagli.

Fonte: BANDAI NAMCO Entertainment via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Ryoga Wonder
Non ha la sindrome di Peter Pan. Lui È Peter Pan. Gamer since ‘80s. Cantante e cantautore, ama leggere molto e scrivere poesie.