Ikebukuro si prepara a salutare una sua iconica sala giochi

Silk Hat Ikebukuro

Ancora una volta ci ritroviamo faccia a faccia con una notizia particolare, una di quelle che non vorresti mai dare o leggere. Tokyo dovrà presto salutare un’altra iconica sala giochi: dall’11 gennaio 2021, infatti, la Silk Hat Ikebukuro chiuderà definitivamente i battenti.

Il triste annuncio è stato rilasciato a inizio dicembre dall’acount Twitter ufficiale:

In questa terribile pandemia da COVID-19 le sale giochi sono state una delle attività più colpite del Giappone, che già sembravano non passarsela benissimo da prima, data la presenza di PC e console casalinghe sempre più potenti e permissive grazie ai vari servizi online. Insomma, per molte il Coronavirus ha rappresentato il classico ultimo chiodo sulla bara, dovuto anche alla presenza di altri game center decisamente più grossi nel raggio di neanche 200 metri, come l’Adores Sunshine o l’enorme SEGA Ikebukuro GIGO.

Proprio lo scorso 30 agosto, se ben ricordate, abbiamo salutato per l’ultima volta la sala giochi SEGA Akihabara Building 2, meglio conosciuta come SEGA Akihabara GiGO. Come se non bastasse, per spaziare dai game center, i giapponesi hanno perso anche lo Tsukumo Akihabara Ekimae e il Labi Shinjuku Higashiguchi Building, la Tokyo One Piece Tower, lo Shining Moon Tokyo, e chissà quanto altro ancora…

Non vediamo davvero l’ora che questo COVID-19 diventi un lontano ricordo, nella speranza di non dover salutare altre importante attività durante il percorso che ci separerà dal ritorno alla normalità.

Fonte: Pagina Twitter ufficiale via SoraNews24

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

ilCirox Channel - Memes, offerte e games