OCTOPATH TRAVELER: il producer anticipa ulteriori giochi per Nintendo Switch

OCTOPATH TRAVELER

Tomoya Asano, producer di OCTOPATH TRAVELER per conto di SQUARE ENIX, ha confidato ai microfoni di Game Informer che la compagnia è al lavoro su altri nuovi titoli per Nintendo Switch, oltre all’imminente JRPG di stampo classico in arrivo il prossimo 13 luglio (qui la nostra anteprima).

“SQUARE ENIX ha deciso di concentrarsi su titoli originali per quanto riguarda Nintendo Switch. Se OCTOPATH TRAVELER avrà successo e sarà in grado di catturare l’attenzione degli appassionati, ci focalizzeremo su Nintendo Switch. Vi esorto a procurarvi la console Nintendo se volete giocare altri titoli come OCTOPATH TRAVELER.”

Game Informer ha incalzato Asano chiedendo se ci sono altri titoli per Switch attualmente in sviluppo o se dal successo di OCTOPATH TRAVELER dipende lo sviluppo di ulteriori esclusive, e il producer ha chiarito: “Ci sono altri titoli per Switch sui quali stiamo lavorando. Se poteste aspettare solo un altro po’, lavoreremo assieme a Nintendo per poterli annunciare nel prossimo futuro.”

Non ci resta che attendere il prossimo 13 luglio e sperare che OCTOPATH TRAVELER non deluda le nostre aspettative.

OCTOPATH TRAVELER

OCTOPATH TRAVELER è un nuovo RPG di Square Enix, attualmente in lavorazione, che uscirà in esclusiva su Nintendo Switch. I producer di Square Enix che hanno lavorato a Bravely Default ci portano in un nuovo mondo fantasy realizzato con un’affascinante combinazione di grafica computerizzata, pixel art e magia visuale che gli sviluppatori definiscono “HD-2D”.

Inizia la tua avventura nei panni di uno degli otto protagonisti, ognuno con talenti, obiettivi e una storia unici. Da dove partirà il tuo viaggio? Chi si unirà a te? E quale sarà la tua prossima meta? Tutte queste decisioni spettano a te, il giocatore.

Ogni personaggio ha un’azione viaggio che può usare per interagire in modo distinto con le persone che incontra. Per esempio, il milite Olberic può “sfidare” quasi chiunque a duello. Tramite questi duelli potrebbe smascherare un malfattore e consegnarlo alla giustizia oppure costringere qualcuno sul suo cammino ad allontanarsi. L’artista Primrose, invece, può approcciare altri personaggi e convincerli a seguirla. Grazie a questo potere, potrebbe rintracciare una persona scomparsa e riportarla a casa, o attirare i nemici in un’imboscata. In battaglia può persino chiedere aiuto a un personaggio che ha sedotto.

In questo gioco, le battaglie combinano elementi tradizionali a elementi tutti nuovi. Uno di questi elementi è la modalità Potenza, che ti permette di accumulare punti Potenza in ogni turno delle battaglie. Puoi spendere questi punti per aumentare esponenzialmente la forza dei tuoi attacchi e abilità o usarli per creare delle combo. Prova a prendere di mira il punto debole di un nemico per sfondarne le difese, poi tempestalo di colpi per indebolirlo! Oppure, se un tuo alleato è in pericolo, spendili per curarlo. Individuare il momento giusto per usare la modalità Potenza è fondamentale per avere successo.

Questo sistema di combattimento lascia spazio alla strategia e all’abilità tattica e padroneggiarlo ti darà tanti vantaggi.

Fonte: Game Informer via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*