The Legend of Zelda: A Link Between Worlds – Recensione

Hyrule si ritroverà a dover fronteggiare una tremenda minaccia: il potente Yuga tenterà di risvegliare Ganon, imprigionato secoli prima dall'eroe leggendario.

the legend of zelda a link between worlds recensione cover

the-legend-of-zelda-a-link-between-worlds-recensione-boxartLa terra di Hyrule, in pace da innumerevoli anni, si trova nuovamente a dover fronteggiare una tremenda minaccia quando il potente stregone di nome Yuga tenta di risvegliare lo spirito del malvagio Ganon, imprigionato secoli prima dall’eroe leggendario. Toccherà al giovane Link avventurarsi attraverso le incantevoli terre di Hyrule e le cupe contrade del regno oscuro Lorule, per portare a termine un compito dal quale dipendono le sorti di entrambi i mondi.

The Legend of Zelda è uno dei più noti titoli di casa Nintendo, che affonda le sue origini nell’ormai lontano 1986, quando un allora giovanissimo Shigeru Miyamoto proiettò le sue avventure immaginarie nel bosco dietro casa in un videogame che sarà destinato a cambiare la storia dei giochi di ruolo d’azione e più in generale del mondo videoludico stesso.

  • Titolo: The Legend of Zelda: A Link Between Worlds
  • Piattaforma: Nintendo 3DS
  • Genere: avventura, action RPG
  • Giocatori: 1
  • Software house: Nintendo
  • Sviluppatore: Nintendo
  • Lingua: Italiano (testi)
  • Data di uscita: 22 novembre 2013
  • Disponibilità: retail, digital delivery
  • Reperibilità: comune
  • DLC: non presenti
  • Note: scrigno musicale porta-cartucce disponibile come preorder bonus da GameStop

the-legend-of-zelda-a-link-between-worlds-recensione-schermata-02The Legend of Zelda vanta un numero considerevole di titoli legati tutti da alcuni elementi ricorrenti, quali la trama di base, la mitica Triforza, la principessa Zelda e il cattivo storico della saga: Ganon.

Sebbene la trama non abbia un ruolo centralissimo, vanta di una qualità più che buona e, nel complesso, possiamo dire che praticamente tutti i titoli appartenenti a questa saga sono considerabili dei capolavori, al punto che addirittura il più famoso di essi, Ocarina of Time, è da molti considerato il miglior videogioco mai prodotto. L’eccezionale cura e dedizione che traspare in ogni capitolo ci dà un’idea del motivo per il quale Zelda sia così amato dai fan e rappresenti una delle punte di diamante di Nintendo.

Il titolo con cui abbiamo avuto il piacere di giocare oggi è l’ultimo nato per console portatile, ovvero The Legend of Zelda: A Link Between Worlds, sequel spirituale del primo capitolo uscito su SNES, A Link to the Past.

La leggenda continua

the-legend-of-zelda-a-link-between-worlds-recensione-schermata-01La trama di Zelda, in quasi tutti i capitoli della saga, è fondamentalmente simile tra un gioco e l’altro e non ha un’importanza centrale, pertanto viene relegata a un livello piuttosto elementare, con pochi colpi di scena, salvo qualche eccezione. A Link Between Worlds non differisce di molto da questa tendenza e ci propone una trama bella, semplice ma al contempo efficace, con qualche piccolo plot twist che aggiunge un po’ di pepe al tutto. Ambientato nello stesso mondo di A Link to the Past, ne condivide la meccanica dei due mondi, sebbene interpretata in maniera differente, in quanto nel gioco per SNES avevamo la possibilità di viaggiare nel tempo, mentre in questo nuovo Zelda per Nintendo 3DS abbiamo la possibilità di muoverci attraverso due differenti dimensioni, anche se quasi speculari.

the-legend-of-zelda-a-link-between-worlds-recensione-artworkLa storia comincia con Link, storico protagonista della serie, addormentato beatamente nel suo letto. Un ragazzino di nome Grì andrà a svegliarlo bruscamente ricordandogli che dovrà presentarsi al lavoro nella bottega del fabbro, già furente per il suo ritardo. Giunto sul posto, Link eviterà una lavata di capo solo grazie alla sbadataggine del capitano delle guardie che, dimenticando alla bottega la sua spada, fornisce al fabbro una commissione da affidargli. Il nostro eroe partirà quindi alla volta del castello per restituire la spada, quando una guardia lo avviserà che il capitano si è recato al santuario più a nord. Giunto a destinazione, poco prima di riuscire a mettere piede nel luogo sacro, Link sentirà un urlo provenire dal suo interno e le porte si chiuderanno improvvisamente. Fortunatamente Danpei, il custode, preoccupato dalla strana situazione, indicherà al giovane un passaggio segreto grazie al quale sgattaiolare all’interno senza passare dal portone. Senza farselo ripetere due volte Link si addentrerà in un piccolo e buio sotterraneo che lo guiderà al santuario. Una volta al suo interno assisteremo a una scena decisamente inquietante, durante la quale Yuga, un malvagio stregone, trasformerà in un dipinto la sacerdotessa Seres. Link non potrà far nulla per contrastare l’immenso potere del losco individuo, che farà tranquillamente i propri comodi per poi scomparire.

Risvegliatosi in casa propria assieme al venditore ambulante Lavio, Link riceverà da lui uno strano e apparentemente inutile bracciale, e successivamente deciderà di recarsi dalla Principessa Zelda, l’attuale regnante di Hyrule, per riferirle l’accaduto.

Due mondi diversi, un unico destino

the-legend-of-zelda-a-link-between-worlds-recensione-schermata-06In termini di gameplay, questo titolo ricalca molto il predecessore per Super Nintendo, riprendendone la tipica visuale dall’alto oltre che la stessa mappa per la terra di Hyrule. Come sempre il nostro prode Link dovrà destreggiarsi fra i vari dungeon, le segrete nei quali risiedono i mostri e che dovremo completare per procedere nella storia, sempre più impegnativi man mano che proseguiremo, sia per i nemici presenti al loro interno che per gli enigmi e per la lunghezza generale della prova che culminerà con lo scontro, non proprio memorabile nella maggior parte dei casi, con il boss, o se preferite signore delle segrete.

the-legend-of-zelda-a-link-between-worlds-recensione-schermata-08Anche il sistema di combattimento è in gran parte simile al precedente capitolo: si impugna la spada, ci si difende con lo scudo e si utilizzano gli altri strumenti a nostra disposizione per aumentare la nostra efficacia nella lotta o per proseguire all’interno dei dungeon e nella world map. Una delle prime novità che ci colpiscono quasi fin da subito è che ora, grazie alle potenzialità del 3DS, possiamo portare, oltre a spada e scudo, anche due strumenti allo stesso tempo, senza dover tutte le volte aprire il menu e cambiarli manualmente: un sogno divenuto realtà per tutti i cultori del gioco per SNES.

Shut up and take my rupees!

the-legend-of-zelda-a-link-between-worlds-recensione-schermata-05

Puzzerà un po’, ma meglio di un pugno in un occhio…

Un’altro aspetto molto interessante e decisamente inusuale è che in questo capitolo avremo a disposizione quasi tutti gli oggetti che ci permettono di proseguire nell’avventura fin dalle prime fasi di gioco, tramite la meccanica a noleggio che ci viene fornita dal nostro amico Lavio. Potremo infatti noleggiare anche tutti gli strumenti in suo possesso fin da subito, pagando qualche rupia e facendo attenzione a non finire nel Game Over, pena la perdita di tutti gli oggetti a noleggio, che torneranno dal proprietario costringendoci a ripagarli da capo con somma tristezza del nostro portarupie. Tutti gli strumenti sono quelli tipici della saga, come le ampolle nelle quali conservare pozioni e fatine, il retino, l’arpione, la lanterna, l’arco, il boomerang e molto altro. Grazie a questi riusciremo fin dai primi momenti di gioco ad avere accesso a portacuori extra e a varie stanze segrete con delle prove da superare per ottenere grossi premi in rupie, che in questo capitolo avranno parecchia importanza, diversamente dagli altri The Legend of Zelda nei quali erano poco sfruttate.

"Il soggetto si è aperto un vargo nell'A.T. Field!"

“Il soggetto si è aperto un vargo nell’A.T. Field!”

Da notare l’interessante uso che è stato fatto delle funzionalità StreetPass in questo gioco, particolarmente utili per ottenere velocemente una cospicua somma di denaro. Ci viene chiesto di equipaggiare il nostro piccolo Link con due oggetti a scelta, e una volta deciso il nostro armamentario il gioco memorizzerà il setup in modo che, quando streetpasseremo qualcuno con una copia del gioco, il nostro piccolo “avatar” apparirà da qualche parte nel mondo di coloro che ci incontreranno sotto forma di un Link Ombra che potranno sfidare. Naturalmente, meglio equipaggeremo il nostro avatar maggiore sarà il suo valore, quindi le rupie ottenute da chi riuscirà a sconfiggerlo.

È doveroso fare una piccola parentesi sull’utile sistema di viaggio rapido mediante una scopa magica che potremo chiamare in qualsiasi momento per spostarci da una parte all’altra dei due mondi, un lusso decisamente apprezzato in quanto le mappe non saranno proprio piccolissime.

Se i muri potessero parlare…

Il nuovo potere di Link sarebbe davvero utile per sbirciare nelle sorgenti termali...

Il nuovo potere di Link sarebbe davvero utile per sbirciare nelle sorgenti termali…

Uno dei punti di forza di questo titolo, nonché una delle caratteristiche maggiormente pubblicizzate da Nintendo, è il nuovo potere che permette a Link di stamparsi letteralmente sui muri aggirando moltissimi ostacoli, che rende l’intera esperienza di gioco nei dungeon molto più divertente. Pensate solo a quanto dev’essere stato difficile per gli sviluppatori studiare un intero nuovo metodo per spostarsi dentro le segrete, creare enigmi che sfruttassero questa capacità e farlo in modo che la meccanica stessa non venisse alterata o non portasse a strani glitch o modi per superare degli ostacoli che di norma richiederebbero altre soluzioni. L’impegno dimostratoci ancora una volta da Nintendo nella cura di questi dettagli meritava questo piccolo inciso che sono stato felice di inserire.

Un viaggio memorabile

La gallina. La creatura più temibile di questo universo.

La gallina. La creatura più temibile di questo universo.

Inizialmente, quando era stato annunciato, e successivamente con i vari trailer, il lato strettamente visivo di questo titolo non mi ispirava particolare fiducia. La grafica sembrava una curiosa fusione tra uno stile estremamente vecchio e uno più moderno, risultando quindi una specie di miscuglio più confuso che mai. Lasciatemi dire, mi sbagliavo. Appena i nostri occhi cominceranno a vedere ciò che questo gioco ha da offrire, ogni dubbio sparirà come per incanto e la grafica risulta in realtà estremamente ben curata, fluida, pulita e senza l’ombra di sbavature o rallentamenti. Gli effetti di luce sono magistrali e gli ambienti di gioco gradevolissimi e dettagliati: quel sentore di pastrocchio grafico scomparirà nel giro di trenta secondi e non appena attiveremo il 3D stereoscopico ci renderemo conto di quanto il comparto tecnico sia veramente curato e di quanto coinvolgimento riesca a darci. Incredibile.

A Link Between Worlds si presenta ineccepibile anche l’aspetto sonoro, con musiche orchestrate alla perfezione, alcuni grandi classici della saga, alcuni presi in prestito da A Link to the Past, rimasterizzati e riadattati, che rendono molto bene le atmosfere in parte idilliache e in parte cupe di questo bellissimo titolo. Particolare menzione al tema musicale di Yuga, estremamente bello, solenne e con cori da brivido.

A chi consigliamo The Legend of Zelda: A Link Between Worlds?

Essendo questo Zelda un videogioco dall’indubbia qualità, l’acquisto è consigliato a tutti, sia esperti estimatori della saga, sia novizi che vorrebbero iniziare a interessarsi alle avventure di Link solo ora. Il titolo non presenta particolari difficoltà, per cui è indicato anche per chi non è abituato ai complicati enigmi che costituiscono una parte molto importante del gameplay di questa serie.

  • Tecnicamente magnifico, ottimo uso del 3D stereoscopico e musiche da brivido
  • Trama apprezzabile e con diverse sorprese, sebbene non sia il punto forte della saga
  • Ampia mappatura di entrambi i mondi, con segreti e aree da esplorare
  • Divertente uso di StreetPass e interessanti nuove meccaniche di gioco, dagli strumenti a nolo alla possibilità di trasformarsi in disegno per superare gli ostacoli

  • Troppo breve e troppo facile per un giocatore esperto; la possibilità di inasprire gli scontri viene data solo dopo aver terminato il gioco la prima volta
  • Boss molto deludenti, alcuni riciclati di sana pianta da A Link to the Past e altri assolutamente insipidi
The Legend of Zelda: A Link Between Worlds
4.7

Un legame che unisce ancora

Nintendo fa di nuovo centro, e sebbene manchi il voto perfetto a causa di qualche sbavatura più o meno rilevante, nel complesso The Legend of Zelda: A Link Between Worlds ci seduce e ci fa innamorare ancora una volta della sua storia semplice ma convincente, del suo lato artistico incredibilmente valido e del suo gameplay classico e accattivante. Tutti i soliti elementi, insomma, che contraddistinguono questa come una delle saghe di maggior successo della storia videoludica. Per l’ennesima volta Link non deluderà le aspettative dei suoi fan e sembra confermarci nuovamente che la Triforza, Hyrule e Zelda sono tutt’ora sulla cresta dell’onda dopo quasi trent’anni.

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Sancta
Si definisce un nerd di livello S+, ama follemente i JRPG e gli SRPG al punto che se potesse se li porterebbe a letto... infatti dorme con Tales of Vesperia al posto dell'orsacchiotto.
ilCirox Channel - Memes, offerte e games