Street Fighter V: ritorna Zangief, dalla Russia con furore

Street Fighter V: ritorna Zangief, dalla Russia con furore

In occasione dell’evento IgroMir in Russia, CAPCOM ha annunciato un gradito ritorno nel roster di Street Fighter V: si tratta ovviamente di Zangief, altresì noto come Red Cyclone!

I presenti all’evento hanno potuto provare con mano la devastante potenza del wrestler sovietico, che andrà a completare il roster iniziale di personaggi storici assieme a Ryu, Ken, Chun-Li, Cammy, Vega, M. Bison e ai nuovi e graditi ritorni di Birdie, Charlie Nash, Necalli, R. Mika, Rashid e Karin.

Quando si tratta di forza bruta, non sono molti i World Warrior a rivaleggiare con Zangief, che si allena giorno e notte alla ricerca di un corpo rifinito con muscoli perfetti, secondo lui l’unica strada per raggiungere la vittoria. Per merito del suo intenso allenamento, in cui di norma rientrano gli incontri di wrestling con gli orsi selvatici, Zangief è in grado di sollevare anche il più pesante degli avversari con estrema facilità. In Street Fighter V Zangief sfoggia i risultati di tali allenamenti attraverso la sua nuova V-Skill chiamata Iron Muscle e la sua V-Trigger che prende il nome di Cyclone Lariat. Ma si tratta solo della punta dell’iceberg: il Red Cyclone ha ancora molti nuovi assi nella sua manica, per sbaragliare la concorrenza con la sua potenza disumana.

Street Fighter V vedrà la luce in tutto il mondo nella primavera del 2016, su PlayStation 4 e PC. Gustiamoci di seguito trailer e nuove immagini!

street-fighter-v-zangief-13

Fonte: CAPCOM

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.