SHAMAN KING: stagione 2 per la serie del 2021? Ecco cosa sappiamo

SHAMAN KING: stagione 2 per la serie del 2021? Ecco cosa sappiamo

Con la ristampa del manga nella sua edizione definitiva a opera di Star Comics e l’inizio di una nuova trasposizione anime, sembra sia arrivata una seconda giovinezza per SHAMAN KING, l’opera di Hiroyuki Takei serializzata originariamente dal 1998 sulle pagine di Shonen Jump (poi passata a Kodansha nel 2018). Il nuovo anime, ribattezzato dai fan SHAMAN KING 2021 per distinguerlo dalla serie originale trasmessa in Italia nel 2004, è in onda sulle reti giapponesi a partire dallo scorso 1 aprile e si trova attualmente a 9 episodi di 13 previsti per questa prima stagione (dei 52 totali già confermati). La prima parte dell’anime dovrebbe concludersi il prossimo 24 giugno con l’episodio 13 intitolato “Soshite Hao!”. La domanda che i fan si pongono in vista della pausa di fine giugno è la seguente: quando andrà in onda SHAMAN KING Stagione 2?

Nella migliore delle ipotesi, la stagione 2 di SHAMAN KING 2021 potrebbe partire già nel mese di ottobre, e in concomitanza la prima potrebbe arrivare nel resto del mondo su Netflix. Come già annunciato dalla piattaforma streaming, la serie è attesa anche in Italia per questo 2021. Se la stagione 2 dovesse saltare l’inizio della stagione anime autunnale, l’appuntamento potrebbe slittare a gennaio con la stagione invernale. Tuttavia, la risposta potrebbe arrivare già con l’episodio 13 del 24 giugno, non ci resta quindi che attendere quella data per sapere quali saranno le sorti di Yoh Asakura in questa nuova trasposizione anime.

Il cast giapponese dell’anime, diretto da Joji Furuta e animato dallo studio Bridge, vede Katsuyuki Konishi nel ruolo dello spirito del samurai Amidamaru e Yōko Hikasa nei panni dello sciamano protagonista Yoh Asakura. La doppiatrice e cantante Nana Mizuki presta la sua voce a Tamao Tamamura, e la celebre Romi Park doppia invece lo storico rivale di Yoh, Tao Ren. La prima opening theme di SHAMAN KING 2021 è “Soul salvation”, mentre la prima ending è intitolata “#Boku no Yubisaki”. Tutti e due i brani sono cantati da Megumi Hayashibara, che è anche la doppiatrice della protagonista femminile Anna Kyōyama, promessa sposa e addestratrice di Yoh. I 52 episodi previsti per questa serie verranno raccolti in Giappone in quattro cofanetti Blu-ray. Al momento i diritti della versione home video in Italia non sono stati licenziati da nessun publisher.

Questo articolo verrà aggiornato non appena saranno disponibili nuove informazioni sulla stagione 2 di SHAMAN KING 2021.

AGGIORNAMENTO (10 giugno): la prima stagione di SHAMAN KING arriverà su Netflix il prossimo 9 agosto, per saperne di più potete leggere questa notizia contenente il secondo trailer.

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

1 commento

  1. Su Netflix pare sia ufficialmente confermato, solo non si sa ancora quando.
    Tra l’altro, se prendessero lo stesso (o quasi) cast di doppiaggio italiano dell’originale non avrei nulla da obiettare, dato che era ben fatto. Perfino l’adattamento, incredibile a dirsi, non era così malvagio, specie se confrontato con quello americano, hanno lasciato i nomi originali. Hanno perfino chiamato Tao Len (e non Ren Tao) nel modo giusto, in quanto in cinese il cognome va davanti al nome (in sostanza come in giapponese, ma nel loro caso è un po’ diverso perchè i nomi giapponesi sono foneticamente più “simili” a quelli occidentali); e la R non dovrebbe venire usata nella traslitterazione in caratteri latini, così come in giapponese non dovrebbe venire usata la L (a meno che non sia una scelta artistica, tipo Luka Megurine o Len Kagamine dei Vocaloid).

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*