Atelier Sharry: Alchemists of the Dusk Sea, dal 26 giugno in Giappone

project a 16 atelier cover

Atelier Sharry: Alchemists of the Dusk Sea sarà il nome del nuovo capitolo della saga Atelier, per l’esattezza, il terzo titolo appartenente alla serie Dusk, annunciato proprio lo scorso 16 marzo durante il Game no Dengeki Kanshasai 2014.

atelier-sharry-alchemists-of-the-dusk-seaIn uscita su PlayStation 3 dal prossimo 26 giugno in Giappone, Atelier Sharry: Alchemists of the Dusk Sea offrirà due personaggi principali tra cui scegliere, così come in Atelier Escha & Logy: Alchemists of the Dusk Sky. Entrambe le protagoniste principali porteranno il soprannome Sharry:

  • Shari Stella (la ragazza con i capelli neri) – Giovane sedicenne alchimista. Proviene da una famiglia che si occupa di proteggere antichissime reliquie alchemiche. Shari diventerà la capofamiglia dopo la morte dei genitori, e dovrà trovare un modo per salvare la sua città natale, che per qualche oscuro motivo si troverà tra la vita e la morte.
  • Charlotte Eluminous (la ragazza con i capelli verdi) – Scarsa alchimista diciottenne. Gestirà l’attività del suo defunto padre, come sue ultime volontà. Sfortunatamente per lei, scarseggerà in esperienza, che la renderà così una vera e propria alchimista terribile.

La storia di gioco procederà secondo il nuovo sistema Life Tasks, che darà ai giocatori obiettivi ben precisi da portare a termine. Una volta che i suddetti obiettivi saranno stati completati, la storia del gioco procederà.

Il titolo sarà disponibile anche in versione Premium, che presenterà al suo interno ben quattro CD musicali, e uno speciale drama CD.

Fonte: Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.