KINGDOM HEARTS III: ReMIND – Recensione

Vestiamo nuovamente i panni di Sora e di altri eroi del Keyblade alla ricerca di un modo per salvare Kairi in KINGDOM HEARTS III: ReMIND

KINGDOM HEARTS III: ReMIND

Kingdom Hearts si è finalmente richiuso. La minaccia provocata dai piani di Xehanort è finalmente sventata e i nostri eroi possono finalmente tirare un sospiro di sollievo, ma non è proprio andato tutto nel verso giusto. Kairi infatti non c’è più. Nonostante tutti i suoi amici si propongo di aiutarlo nelle ricerche, Sora ha già un piano in mente e chiede agli altri di fidarsi di lui. Dopo essere ritornato al Mondo Finale, l’eroe del Keyblade chiede nuovamente l’aiuto di Chirithy per poter capire come ritrovare la sua amica scomparsa. Lo spirito svela che nonostante esista ancora la possibilità di salvare Kairi, per far si che ciò accada Sora dovrà effettuare un sacrificio estremamente importante. Senza pensarci due volte il ragazzo accetta, ed è così che inizia una dura battaglia per poter riportare la sua amica nel regno della luce.

Ad un anno di distanza dal lancio del gioco base, arriva l’attesissimo contenuto aggiuntivo KINGDOM HEARTS III: ReMIND. Grazie a questo DLC potremo finalmente svelare nuovi dettagli sul finale della trama principale del terzo capitolo e avventurarci assieme a Sora alla ricerca di un modo per salvare Kairi. Rilasciato temporaneamente solo su PlayStation 4, il contenuto aggiuntivo arriverà anche su Xbox One il prossimo 25 febbraio. Ma sarà riuscito stavolta Testuya Nomura a soddisfare le altissime aspettative dei fan e ad andare a chiudere un cerchio iniziato ben diciotto anni fa? Scopritelo assieme a noi nella nostra recensione del DLC.

KINGDOM HEARTS III: ReMIND - Recensione

  • Titolo: KINGDOM HEARTS III: ReMIND
  • Piattaforma: PlayStation 4, Xbox One
  • Versione analizzata: PlayStation 4 (EU)
  • Genere: Action RPG
  • Giocatori: 1
  • Publisher: SQUARE ENIX
  • Sviluppatore: SQUARE ENIX
  • Lingua: Italiano (testi), Inglese (doppiaggio)
  • Data di uscita: 23 gennaio 2020
  • Disponibilità: digital delivery
  • DLC: nessuno
  • Note: per poter accedere ai contenuti del DLC dovremo aver completato il gioco principale

Abbiamo recensito KINGDOM HEARTS III: ReMIND con un codice PlayStation 4 fornitoci gratuitamente da Koch Media.

Per poter parlare del gameplay di KINGDOM HEARTS III: ReMIND dobbiamo fare un passo indietro a qualche giorno fa, quando SQUARE ENIX ha rilasciato il nuovo aggiornamento gratuito dedicato al gioco. Grazie a questo update infatti non solo sono stati introdotti i Keyblade Portafortuna e Lontano Ricordo, ma anche tante nuove abilità per Sora. Grazie ad esse le capacità combattive del protagonista aumenteranno esponenzialmente, dotandolo di tantissime nuove combo e acrobazie aeree che gli permetteranno di sconfiggere più facilmente i nemici anche quando si trovano in aria o a distanza.

KINGDOM HEARTS III: ReMIND

Una delle più interessanti novità a livello di gameplay introdotta all’interno del DLC è l’introduzione della funzionalità Premium. Tutti coloro che inizieranno una nuova partita avranno infatti modo di scegliere se giocare un’avventura consueta, non introducendo questa funzionalità, se preferire un’avventura facile, andando a introdurre i Codici Più che ci permetteranno di accedere ad una serie di facilitazioni come la possibilità di rigenerare la salute, o se optare per un’avventura impegnativa abilitando i Codici Pro, penalizzazioni che renderanno decisamente più ardue le battaglie ad esempio impedendoci di utilizzare incantesimi di cura. Purtroppo si tratta di un’opzione dedicata a chi vuole ricominciare da capo il gioco, non potremo accedere al menù Premium caricando il salvataggio di una nostra precedente partita.

Tra le tante funzionalità introdotte all’interno del contenuto aggiuntivo troviamo anche la modalità Presentazione, grazie alla quale potremo creare dei brevi filmati da condividere sui social utilizzando le fotografie scattate all’interno del gioco. Non solo potremo decidere quali foto utilizzare dopo averle personalizzate a nostro piacimento, ma avremo modo di scegliere un sottofondo musicale tra alcuni dei più iconici brani provenienti dalla saga. Inoltre potremo anche impostare diverse cornici per la nostra presentazione, che modificheranno anche l’animazione con la quale la fotografia comparirà sullo schermo.

Don’t think twice

Ma partiamo ora con la parte più attesa, le novità a livello narrativo che sono state introdotte in KINGDOM HEARTS III: ReMIND. Caricando un salvataggio completo dell’avventura base potremo accedere alla trama principale del contenuto aggiuntivo, che inizierà proprio durante il finale del gioco. A livello di gameplay in questa modalità troviamo diverse novità, tra cui la possibilità di combattere dei panni di alcuni dei più amati protagonisti della saga che prenderanno il posto di Sora in battaglia. Questo ci permetterà di accedere a delle tecniche esclusive che spesso vedranno la collaborazione di diversi personaggi, in delle azioni coreografiche davvero spettacolari. Sarà inoltre presente una nuova vasta area esplorabile, in cui potremo cercare tesori nascosti e risolvere puzzle ambientali.

KINGDOM HEARTS III: ReMIND

Una volta terminata la trama principale sbloccheremo l’Episodio Limitcut, ambientato ad un anno di distanza dal finale del gioco. In questa modalità potremo affrontare una versione potenziata dei membri della vera Organizzazione XIII, che ci renderanno la vita un vero e proprio inferno. Completare questa modalità sarà un’impresa ardua, ma se ci riusciremo la ricompensa sarà davvero soddisfacente. Una volta sconfitti tutti i tredici nemici avremo infatti accesso all’Episodio Segreto, che servirà ad aprire la strada al futuro della saga dandoci qualche indizio sulla direzione che intende prendere Tetsuya Nomura per il suo seguito.

A concludere le novità a livello di gameplay presenti in KINGDOM HEARTS III: ReMIND c’è la modalità Foto-Saluto, che verrà sbloccata solamente dopo aver terminato la trama principale del DLC. In questa modalità potremo creare dei veri e propri diorami scegliendo ambientazione, effetti e modelli dei personaggi da posizionare e modificare a nostro piacimento. Il lavoro svolto da SQUARE ENIX è davvero eccellente, ogni personaggio avrà diverse pose ed espressioni facciali, dando una notevole possibilità di personalizzazione a tutti i giocatori che potranno così sfoderare il proprio estro artistico.

Face my fears

Dal punto di vista tecnico KINGDOM HEARTS III: ReMIND ci riporta alle eccellenze viste all’interno del gioco di base. Dal punto di vista grafico la scelta dell’utilizzo di Unreal Engine 4 si è rivelata la carta vincente per questo terzo capitolo della saga e per il suo DLC, in cui spiccano soprattutto le nuove animazioni di battaglia. Le tecniche inedite, soprattutto quelle che vedono la collaborazioni tra più personaggi, sono infatti graficamente sublimi e lasceranno a bocca aperta tutti i fan della saga.

KINGDOM HEARTS III: ReMIND

Oltre all’ottimo doppiaggio e le musiche che tutti abbiamo avuto modo di amare nel gioco base, la vera novità di questo DLC è la presenza del magnifico concerto KINGDOM HEARTS Orchestra -World of Tres-. Nonostante ci sia stata anche una tappa italiana, non tutti i giocatori sono riusciti a partecipare all’evento dal vivo per questo la possibilità di includere (seppur a un prezzo leggermente maggiorato) le registrazioni del concerto è una scelta decisamente apprezzabile. Diviso in ben diciannove segmenti, con esso potremo rivivere tutte le emozioni che KINGDOM HEARTS ha saputo regalarci in questi diciott’anni grazie alla presenza di brani provenienti da tutti i capitoli della saga.

Ma non è tutto oro quel che luccica e purtroppo anche questo contenuto aggiuntivo presenta qualche problematica. Se durante l’avventura principale avremo potenziato al massimo Sora infatti i nemici presenti nella prima parte del DLC non saranno in grado di offrirci una vera e propria sfida, ma riusciremo a sconfiggerli abbastanza facilmente. Situazione diversa invece per l’Episodio Limitcut, in cui anche chi è arrivato al massimo livello troverà delle difficoltà non da poco per sconfiggere i tredici membri dell’Organizzazione XIII. Un’altra pecca è l’impossibilità di utilizzare gli altri personaggi giocabili al di fuori della trama principale del contenuto aggiuntivo. Per quanto questa sia una scelta contestualizzata all’interno della storia, sarebbe stato bello poter affrontare l’Episodio Limitcut scegliendo liberamente con chi combattere.

A chi consigliamo KINGDOM HEARTS III: ReMIND?

Tutti coloro che vogliono avere un senso di completezza e scoprire non solo i retroscena che hanno portato al finale del gioco, ma anche la direzione che verrà intrapresa per il futuro della saga non possono farsi lasciar scappare KINGDOM HEARTS III: ReMIND. Certo, il prezzo di lancio può scoraggiare alcuni giocatori, ma ricordate che se anche preferite attendere una buona offerta non potete perdervi l’occasione di giocare a questo contenuto aggiuntivo.

KINGDOM HEARTS III: ReMIND

  • La modalità Limitcut è una sfida imperdibile
  • Modalità fotografiche divertenti
  • Il Secret Episode
  • La trama dà un senso di chiusura…

  • …Ma allo stesso tempo apre a tanti nuovi quesiti
  • Il prezzo di lancio può risultare troppo alto
  • La difficoltà cala drasticamente se abbiamo potenziato troppo Sora
KINGDOM HEARTS III: ReMIND
4.2

Confuso e felice

KINGDOM HEARTS III è stato uno di quei titoli capaci di dividere l’intero fandom, tra chi considera la trama troppo raffazzonata e chi invece loda le prestazioni tecniche e le finezze di gameplay di questo terzo capitolo. In tutto ciò io mi son trovato nel mezzo, da una parte reputo che sia il capitolo più divertente da giocare e dall’altra credo che nonostante abbia messo fine a tanti punti lasciati in sospeso per troppo tempo, la trama principale sia stata gestita male soprattutto nelle parti finali del gioco. A migliorare la situazione arriva KINGDOM HEARTS III: ReMIND, grazie al quale potremo finalmente vedere le fasi finali della storia sotto uno spettro più ampio e da diversi punti di vista. La trama principale del DLC, seppur forse un po’ troppo breve, va infatti a migliorare notevolmente alcuni degli aspetti visti nel titolo base introducendo dialoghi inediti che approfondiscono la caratterizzazione di alcuni personaggi e le loro scelte durante la battaglia finale. Molti di voi si chiederanno: e allora perché non è stato fatto così sin dall’inizio? Sarà forse il classico modo per lucrarci sopra? In questo caso mi sento di difendere almeno parzialmente SQUARE ENIX. In passato ogni capitolo numerato della saga è stato rilasciato in una versione Final Mix che andava a migliorare parti di storia introducendo nuovi eventi e boss aggiuntivi, e questo DLC non è altro che un modo più semplice per la software house di aggiornare il proprio titolo ad un’ipotetica versione definitiva. Al posto di dover comprare nuovamente il gioco stavolta ci basterà acquistare il contenuto aggiuntivo, per quanto forse il prezzo di lancio sia un po’ troppo alto. Non mi dilungherò troppo sui contenuti, ma posso dirvi che l’Episodio Segreto e il suo finale sono stati capaci di lasciarmi davvero a bocca aperta e non vedo l’ora di scoprire cosa Tetsuya Nomura ha in serbo per noi per il futuro.

Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.
Playasia - Play-Asia.com: Online Shopping for Digital Codes, Video Games, Toys, Music, Electronics & more

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*