Steam ci ripensa: un approccio più morbido con le visual novel per adulti

Sakura Dungeon - Recensione

Con un clamoroso retromarcia, probabilmente dovuto alla grande indignazione da parte dell’utenza nei confronti della celebre piattaforma Steam, Valve ha prontamente contattato tutti gli sviluppatori di titoli per adulti con un nuovo messaggio: cessato allarme.

Attraverso Twitter, infatti, tantissime compagnie di giochi con contenuti pornografici rivelano di aver ricevuto un nuovo comunicato dove, al suo interno, viene esplicitamente detto di non fare caso all’ultimatum fatto in precedenza. Valve ha in mente adesso un approccio più morbido nei confronti di questi titoli, che prima verranno esaminati da un apposito team e poi, in caso di violazione delle regole e linee guida, verrà inviato un feedback mirato su quello che può e che non può essere fatto.

Ovviamente per riuscire a fare tutto questo ci vorrà tempo, per cui non esiste più l’obbligo di rimuovere i propri prodotti entro fine mese. Nonostante l’approccio decisamente più gentile e corretto, non ci è dato sapere ancora come finirà la vicenda, ovvero se alla fin fine, stavolta con buone parole e qualche sorriso, verrà comunque presa una decisione drastica.

Vogliamo comunque ricordarvi che, senza doversi affaticare tanto per cercare patch o limitarsi a giocare in versione censurata, esistono delle piattaforme dedicate ai titoli per adulti: MangaGamer e Nutaku. Se i fan e gli amanti di questo genere iniziassero probabilmente a dirigere le proprie attenzioni (e i propri acquisti) su di questi, probabilmente aumenterebbe la loro notorietà e molti più sviluppatori saranno spronati a rilasciarci i tutti i propri lavori.

Fonte: Steam via DualShockers

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.