CODE VEIN: video intervista al producer Yusuke Tomizawa

CODE VEIN: video intervista al producer Yusuke Tomizawa

Dopo le tantissime informazioni e video di gameplay vari, giunti negli scorsi giorni anche grazie alla presenza dell’E3 2018, BANDAI NAMCO Entertainment porta oggi sul web una video intervista a Yusuke Tomizawa, il producer di CODE VEIN.

All’interno del video, Tomizawa descrive al pubblico in ascolto la demo del gioco offerta durante l’E3 da poco concluso, in tutto e per tutto una versione nuova e aggiornata di quanto offerto durante l’edizione 2017 dell’evento di Los Angeles. Cosa è cambiato? Per iniziare, la difficoltà: se la precedente versione era descritta come “troppo ardua”, quella presentata recentemmente non solo è più intuitiva, ma anche relativamente più approcciabile da qualsiasi tipo di pubblico.

Sebbene nelle versioni demo non fosse presente una meccanica multiplayer, questa sarà ovviamente presente nella versione finale del gioco, dove gli utenti potranno inviare segnali di SOS per richiamare altri giocatori.

Per il momento non è possibile rivleare informazioni riguardo il villain finale, ma al suo posto il producer si è soffermato a parlare dei The Lost, chiamati così i Revenant che “non possiedono abbastanza sangue”. Questi sono nemici ricorrenti all’interno del gioco, e alcuni di questi saranno addirittura potenti boss da battere.

In caso vogliate saperne di più, qui sotto potete ammirare l’intera video intervista.

CODE VEIN – Video Intervista Yusuke Tomizawa

Fonte: BANDAI NAMCO Entertainment via DualShockers

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*