Un nuovo RPG targato Lancarse in arrivo su PS3 e PS VITA

el shaddai cover

Lo sviluppatore nipponico Lancarse, già conosciuto all’interno del panorama videoludico per aver contribuito alla realizzazione di titoli del calibro di Lost Heroes, El Shaddai, Shin Megami Tensei: Strange Journey e i primi due Etrian Odyssey, pare sia attualmente a lavoro su un nuovo RPG per PlayStation 3 e PlayStation Vita, che sarà pubblicato nientemeno che da Furyu.

Nonostante si debba ancora attendere l’uscita nel prossimo numero della rivista Famitsu per sapere il nome completo del titolo (che per ora risulta essere *** Dimension), pare che i primi dettagli riguardanti questo misterioso prossimo titolo stiano già circolando in rete.

Il titolo pare sia ambientato in un futuro non troppo lontanto, in un’epoca in cui il mondo è completamente sprofondato nell’oblio. Una nuova struttura conosciuta come “il pilastro” pare sia stata eretta sulla terra, e il plot del gioco pare essere incentrato sulle vicende di alcuni membri di un gruppo di forze speciali conosciute con il nome di S.E.A.L.E.D.. Il protagonista di questo nuovo titolo pare sia chiamato Shou, doppiato da Yusuke Yamamoto, e sarà accompagnato da un’eroina di nome Youko, doppiata da Honoka Miki.

Tra le persone incaricate dello sviluppo del titolo, si nascondono infatti anche alcuni illustrissimi veterani di dungeon crawler RPG. Mentre gli scenari di gioco sono stati affidati a Jun Kumagai, nome già noto in quanto ha lavorato sia a Tales of the Brave che agli adattamenti animati di Persona 3 e Persona 4, mentre le illustrazioni dei personaggi saranno afidate a Yuu Yamashita, e sarà presente a dar mano al progetto una guest star di tutto rispetto: Shirow Miwa, autore della serie manga Dogs: Bullets & Carnage.

Secondo alcune indiscrezioni, il titolo potrebbe vedere la luce in territorio nipponico nel mese di agosto, ma per avere una data precisa si dovrà attendere il nuovo numero della rivista Famitsu.

Fonte: Gematsu

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.