DEAD OR ALIVE 6 – Recensione

KOEI TECMO GAMES e Team NINJA si apprestano al salto generazionale con DEAD OR ALIVE 6, nuova edizione del torneo più ricco di curve del panorama videoludico.

DEAD OR ALIVE 6 - Recensione

DEAD OR ALIVE 6 - Recensione“Prima di tutto voglio esprimere la mia più profonda gratitudine a tutti voi! E ora sono molto felice di annunciare l’inizio del 6° torneo di DEAD OR ALIVE! Come molti di voi già sapranno, questo torneo offre l’opportunità a tutti i più grandi lottatori di ogni disciplina di affrontarsi nella competizione di lotta definitiva. Questo palco accoglierà solo persone dalle mille risorse, abbastanza coraggiose da cercare in continuazione avversari con notevoli abilità, abbastanza determinate da farsi condurre ovunque dalla propria forza e abbastanza tenaci da sopportare gli allenamenti più duri.” — Helena Douglas

A quattro anni di distanza dal precedente capitolo torna una delle saghe di picchiaduro più amate di tutti i tempi, DEAD OR ALIVE 6. Sviluppato dal Team NINJA di KOEI TECMO GAMES per PlayStation 4, Xbox One e PC, il titolo si mostra tecnicamente come un vero e proprio salto generazionale rispetto al quinto capitolo. Nonostante ciò la software house ha scelto di non stravolgere troppo il sistema di combattimento tradizionale della serie, optando per l’introduzione di poche ma importanti novità. Con ben venticinque personaggi presenti nel roster iniziale (più due bonus) e tantissime modalità di gioco si prospetta un capitolo in cui noi giocatori potremo immergerci per tantissime ore. All’apparenza il capitolo definitivo, ma quali saranno i suoi difetti?

  • Titolo: DEAD OR ALIVE 6
  • Piattaforma: PlayStation 4, Xbox One, PC / Steam
  • Versione analizzata: PlayStation 4 (PAL / EU)
  • Genere: Fighting Game
  • Giocatori: 1-2 (online)
  • Software house: KOEI TECMO GAMES
  • Sviluppatore: Team NINJA
  • Lingua: Italiano (testi), Inglese e Giapponese (doppiaggio)
  • Data di uscita: 1 marzo 2019
  • Disponibilità: retail, digital delivery
  • DLC: personaggi e costumi aggiuntivi
  • Note: i personaggi Nyotengu e Phase 4, disponibili rispettivamente per chi ha pre-ordinato la copia digitale del gioco e per chi ha acquistato la versione Digital Deluxe, verranno rilasciati singolarmente in un secondo momento

Dopo gli eventi del quinto torneo, che hanno portato alla distruzione della piattaforma petrolifera che lo ospitava, Helena Douglas è ancora molto scossa. Tra i suoi pensieri ci sono anche gli enigmatici poteri di Honoka, una delle partecipanti del torneo, che è riuscita a far fuoriuscire una misteriosa energia dalle sue mani senza ricordarsi dell’accaduto. Per questo chiederà a Marie Rose, sua fidata dipendente, di trovare la ragazza e stringere con lei un legame di amicizia per tenerla sotto controllo e monitorarla regolarmente.

DEAD OR ALIVE 6

Ma Helena non è l’unica ad interessarsi a Honoka. La kunoichi Ayane ha infatti notato che la ragazza è persino in grado di emulare istantaneamente le movenze dei propri avversari e questo la spaventa parecchio. Questa capacità era infatti peculiare di Raidou, suo padre biologico e ninja rinnegato del clan Mugen Tenshin che è stato sconfitto da Kasumi durante il primo torneo. Anche per questo Hayate, come nuovo capo clan, ordina alla kunoichi dai capelli viola di rapire la ragazza per poterla tenere lontana dall’oscurità che ormai sente nell’aria.

E le paure del giovane ninja verranno ben presto confermate, visto che anche l’organizzazione M.I.S.T. ha puntato i suoi occhi sui poteri della giovane. Dopo essere riuscito a produrre in massa i modelli di Phase 4, clone di Kasumi, il perfido Victor Donovan ha infatti in mente un nuovo progetto per il quale l’incredibile energia di Honoka potrebbe risultare fondamentale. Lo scienziato vuole infatti riuscire a riportare in vita le persone e per farlo si avvale dell’aiuto di una nuova collaboratrice, la misteriosa NiCO. Mentre si aprono le porte del sesto torneo di DEAD OR ALIVE, lo scontro tra la DOATEC capeggiata da Helena e l’organizzazione M.I.S.T. si appresta a giungere ad una svolta epocale.

Femme Fatale

Dal punto di vista del gameplay DEAD OR ALIVE 6 riprende quasi interamente il sistema di combattimento visto nel quinto capitolo, andando ad aggiungere qualche preziosa novità. Per la prima volta nella serie viene introdotta una seconda barra, oltre quella dell’energia, che si riempirà man mano che subiremo danni o che colpiremo i nemici. Questa viene chiamata Indicatore Devastazione e ci servirà per utilizzare due mosse davvero straordinarie. Se la riempiremo a metà, potremo infatti effettuare una Presa Devastante capace di riflettere qualsiasi tipo di attacco nemico, mentre invece riempiendola totalmente potremo utilizzare il potentissimo Colpo Devastante che, come dice il nome, infliggerà notevoli danni ai nemici.

DEAD OR ALIVE 6

Ma non è tutto, in questo sesto capitolo della saga troviamo anche il sistema Fatale. Tramite la pressione di un semplice tasto potremo infatti effettuare dei colpi capaci di mandare l’avversario in Stordimento Fatale, un particolare status che lo renderà vulnerabile a qualsiasi tipologia di attacco. Concatenando questi attacchi potremo creare un potentissimo Assalto Fatale che si concluderà in una versione meno potente del Colpo Devastante, ma solo se avremo l’indicatore devastazione carico al massimo.

All’interno del gioco troveremo come di consueto la modalità Storia, all’interno della quale potremo vivere sia le vicende che vedranno la DOATEC sfidarsi nuovamente contro l’organizzazione M.I.S.T. che dei capitoli separati dedicati a tutti i protagonisti della saga. Nella sezione Combatti invece troveremo tutta una serie di modalità classiche come lo Scontro, che ci permetterà di sfidare un avversario controllato dalla CPU o un nostro amico utilizzando un secondo controller, e le modalità Arcade, Sfida sul Tempo e Sopravvivenza, dove dovremo battere una serie di nemici cercando rispettivamente di ottenere il miglior punteggio, di sconfiggerli nel minor tempo possibile o di sopravvivere utilizzando solamente una barra di energia.

Missione Guardaroba

Tra le novità introdotte in DEAD OR ALIVE 6 troviamo la modalità Missione DOA, all’interno della quale potremo affrontare oltre cento sfide dedicate a tutti i lottatori presenti nel gioco. Le missioni saranno ispirate ad alcuni dei momenti più salienti della saga e ognuna di esse avrà tre obiettivi da completare, ognuno dei quali ci garantirà una ricompensa in valuta di gioco o l’ottenimento di un nuovo documento. Completando tutti e tre gli obiettivi inoltre riceveremo una ricompensa aggiuntiva che varierà a seconda della missione. Inoltre per poter migliorare le nostre capacità, oltre all’Allenamento Libero e alla ricchissima modalità Tutorial, avremo a nostra disposizione l’Allenamento Comandi e la Sfida Combo che ci insegneranno ad utilizzare al meglio ogni combattente presente all’interno del roster.

DEAD OR ALIVE 6

In questo sesto capitolo viene dato grande spazio anche alla personalizzazione, grazie al DOA Central e alla valuta di gioco che potremo ottenere completando le diverse modalità presenti nel titolo. Grazie ad essa potremo acquistare nuovi costumi, accessori e capigliature per i nostri personaggi e personalizzarli a nostro piacimento, o addirittura entrare in possesso di alcuni dei più iconici brani dell’intera saga e impostare quando essi verranno riprodotti. Inoltre saranno presenti l’Enciclopedia DOA, in cui potremo approfondire alcuni degli avvenimenti visti nei precedenti capitoli, e le Curiosità, una serie di documenti che potremo ottenere durante giocando la modalità storia e che approfondiranno alcuni dei suoi aspetti.

Ovviamente sarà presente anche la modalità Online, anche se purtroppo al momento è fin troppo basilare. Infatti è presente esclusivamente la possibilità di affrontare Match Classificati: dopo aver scelto il nostro personaggio preferito potremo dunque buttarci alla ricerca di avversari da tutto il mondo per migliorare il nostro rango di lottatore. È dunque totalmente assente la possibilità di sfidare i nostri amici, non potremo infatti né creare una stanza né tanto meno potremo invitarli utilizzando il loro nome utente.

Tette nei dintorni

Dal punto di vista tecnico DEAD OR ALIVE 6 è un vero e proprio salto di qualità per la saga. Ci troviamo di fronte ad un comparto grafico davvero eccellente, ogni personaggio è realizzato con una cura veramente impeccabile e gli scenari sono ricchi di dettagli e zone d’interazione. Le animazioni di combattimento sono realizzate egregiamente e il gioco risulta sempre estremamente fluido, caratteristica fondamentale per un picchiaduro. La software house ha inoltre pensato di implementare alcune opzioni che permetteranno ai giocatori più sensibili di eliminare effetti come sangue, sudore, sporcizia e persino lo sballonzolamento delle procaci forme delle sue protagoniste. Ma essendo noi di Akiba Gamers dei veri duri, non siamo riusciti a rinunciare a nessuna di queste caratteristiche nemmeno per fare una prova.

DEAD OR ALIVE 6

Per quanto riguarda il comparto sonoro troviamo un’eccellente direzione a quattro mani ad opera di Yosuke Kinoshita, che già si era occupato del precedente capitolo della saga, e di Hiromu Akaba, che invece fa il suo esordio in DEAD OR ALIVE 6. Come sopra citato non saranno presenti solamente dei brani creati appositamente per questo sesto episodio, ma avremo modo di sbloccare alcuni dei più iconici temi musicali provenienti da tutti i capitoli della saga.

Se per ora sembra tutto davvero straordinario, purtroppo KOEI TECMO GAMES è di nuovo ricaduta nell’orribile tunnel dei pacchetti DLC a prezzi spropositati. Al momento all’interno del gioco le opzioni di personalizzazioni acquistabili sono davvero poche e per averne ulteriori dovremo acquistare il Pass Stagionale 1 che conterrà due personaggi aggiuntivi e ben 62 nuovi costumi (anche se non si parla minimamente di accessori o acconciature extra), al non proprio abbordabile prezzo di 89,99 €. Per poter acquistare esclusivamente il primo pass dovremo dunque sborsare 20 € in più di quanto avremo speso per il gioco completo. Ma non è tutto perché, nonostante siano PRESENTI e UTILIZZABILI all’interno della modalità Storia e nelle Missioni DOA, i personaggi Nyotengu e Phase 4 sono stati resi disponibili solo per chi ha rispettivamente pre-ordinato il gioco o acquistato l’edizione Digital Deluxe. Tutti gli altri invece, per poterli utilizzare nelle altre modalità di gioco, saranno obbligati ad acquistarli singolarmente.

A chi consigliamo DEAD OR ALIVE 6?

Nonostante questo gravissimo problema DEAD OR ALIVE 6 è un picchiaduro davvero completo e divertente, consigliabile a tutti gli amanti del genere, che potranno spendere centinaia di ore a giocare le tantissime modalità presenti all’interno del titolo. Inoltre anche i neofiti della saga potranno facilmente approcciarsi al sesto capitolo grazie alla presenza di tutorial dettagliatissimi e di un sistema di gioco bilanciato e semplice.

Gli aspiranti guerrieri potranno partecipare al sesto DEAD OR ALIVE World Combat Championship all’inizio del 2019 e ogni combattente verrà presentato con dettagli stupefacenti, permettendo ai fan di scorgere intricate espressioni facciali che non hanno eguali a quelle viste nei capitoli precedenti. Tantissimi i combattenti degni di nota, come Helena Douglas, il diciottesimo maestro del clan Mugen Tenshin, Hayate e i vincitori dei tornei di DEAD OR ALIVE (DOA): Kasumi del clan Mugen Tenshin, il ninja definitivo, Ryu Hayabusa, il presentatore sempre divertente, Zack e il vincitore dell’ultimo torneo, l’anima rovente Jann Lee.

Acquista DEAD OR ALIVE 6 per PlayStation 4 o per Xbox One seguendo questo link al prezzo speciale di 66,38 € (invece che 69,99 €). Uscita prevista per il 1 marzo 2019. Sostieni Akiba Gamers acquistando il gioco su Amazon attraverso questo link!

DEAD OR ALIVE 6

  • Ottimo bilanciamento del gameplay
  • Tecnicamente è davvero impeccabile
  • Personaggi caratterizzati alla perfezione
  • Tantissime modalità di gioco…

  • …Ma la modalità Storia è molto abbozzata
  • Opzioni per l’online davvero minimali
  • L’assenza di Nyotengu e Phase 4 nel roster di base
  • Il prezzo del Season Pass è spropositato
DEAD OR ALIVE 6
4.2

Un ottimo esponente del genere e le solite, pessime strategie di vendita

È davvero un dispiacere dover abbassare il voto di un gioco per colpa delle strategie di vendita di chi l’ha creato. Nel caso di DEAD OR ALIVE 6 la software house è riuscita a sviluppare un picchiaduro davvero ricco di funzionalità e divertente da giocare che merita davvero di essere acquistato da ogni giocatore, ma si dà la zappa sui piedi con delle macchinazioni infernali pur di lucrarci ulteriormente. Se in primis l’assenza di Nyotengu e Phase 4 nelle altre modalità di gioco nonostante siano giocabili all’interno della storia e nelle Missioni DOA è davvero inspiegabile, il ritorno dei pacchetti DLC rilasciati con prezzi spropositati era uno dei timori di tutti gli amanti della saga. Fortunatamente, gli unici altri due personaggi aggiuntivi annunciati finora saranno in vendita anche fuori dal primo Season Pass, ma il prezzo esorbitante di quest’ultimo scoraggerebbe chiunque dall’acquisto — senza contare che ne verranno rilasciati degli altri in futuro. Non ci resta che aspettare per scoprire quali saranno le prossime strategie commerciali della compagnia a supporto del titolo.

Faith
Anche lui sardo, ha viaggiato per innumerevoli mondi in compagnia di tanti personaggi fantastici. È un accumulatore seriale di giochi sul PlayStation Store.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*