SCARLET NEXUS: gli sviluppatori spiegano la scelta del nome

SCARLET NEXUS

BANDAI NAMCO Entertainment ha svelato qualche curiosità sul nome scelto per SCARLET NEXUS, che è attualmente in fase di sviluppo.

Grazie ad un nuovo diario degli sviluppatori il producer Keita Iizuka, il director Kenji Anabuki e l’art director Kouta Ochiai hanno svelato che il titolo è stato scelto per enfatizzare i legami che i protagonisti stringeranno nel corso del gioco. Il titolo si rifà anche al mito del filo rosso del destino, una leggenda molto popolare in Giappone secondo cui ogni persona è collegata alla propria anima gemella da un filo rosso indistruttibile.

Iizuka-san ha spiegato come questo sia reso visibile nel gioco anche attraverso la direzione artistica. Anabuki-san fa poi notare come ogni membro della FSE possieda infatti dei fili rossi che sbucano dalla propria schiena e come questi avranno a che fare con il potere di poter acquisire le abilità dei propri compagni di squadra. Ochiai-san infine svela che questi “legami rossi” saranno un elemento chiave del gioco, anche se non spiega bene in che modo lo saranno.

In attesa di saperne di più vi lasciamo con il nuovo diario degli sviluppatori dedicato a SCARLET NEXUS. Vi ricordo inoltre che il titolo è attualmente in fase di sviluppo per PlayStation 5, PlayStation 4, Xbox Series X|S, Xbox One e PC. Se volete scoprire ulteriori informazioni sul gioco potrete trovarle nel nostro precedente articolo. Buona visione.

SCARLET NEXUS – Diario degli sviluppatori

Kasane combatte con Yuito nel nuovo trailer di SCARLET NEXUS!

Nelle strade ispirate agli anni ’90 di New Himuka, strane creature chiamate “Estranei” scendono dal cielo per nutrirsi di cervelli umani. Messa insieme con i migliori combattenti, la “Forza di Soppressione Estranei” (FSE) è stata creata per fronteggiare questa minaccia.

Kasane è un’orfana che ha perso i genitori in un’incursione degli Estranei, quando ancora era bambina.

Adottata dalla potente famiglia Randall, diventa uno degli elementi più promettenti della FSE dopo essere stata reclutata a 12 anni. Ora è un soldato d’elite con notevoli abilità in combattimento: Kasane padroneggia la forza della psicocinesi, combinandola con la sua bravura nel lancio dei coltelli.

Insieme con le sue abilità e storia, Kasane si unisce a Yuito Sumeragi come personaggio giocabile.

Nato in una famiglia dell’elite, parte delle forze di governo del paese, Yuito è cresciuto con l’ossessione di diventare parte della FSE. Dopo che la sua vita è stata salvata da uno dei suoi membri, ha sempre desiderato seguire le sue orme.

Sia Kasane che Yuito beneficeranno del supporto degli altri personaggi del party, come Gemma Garrison, Luka Travers o Tsugumi Nazar.

SCARLET NEXUS è un nuovo Action-RPG sviluppato dai BANDAI NAMCO Studios in cui i giocatori scopriranno i misteri di un futuro Brainpunk, sospeso tra tecnologia e abilità psichiche. Scritto da Takumi Miyajima, conosciuto per il suo lavoro nella serie TALES OF, il gioco sarà disponibile per Xbox Series X, Xbox Series S, Xbox One, PlayStation 5, PlayStation 4 e PC Digital.

Per maggiori informazioni sui titoli di BANDAI NAMCO Entertainment Europe, seguici:

Fonte: BANDAI NAMCO Entertainment via Siliconera

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*