Root Letter: Last Answer – Kouichi Yamadera sarà la voce del protagonista

Root Letter: Last Answer

Il promettente Root Letter: Last Answer, la riedizione ricca di novità del mystery adventure game originale, ci svela oggi il nome dell’incaricato a prestare la propria voce al protagonista Max. Si tratta di Kouichi Yamadera, il doppiatore, cantante e conduttore televisivo giapponese, noto per aver interpretato personaggi del calibro di Beerus in Dragon Ball Super, Ryoga Hibiki in Ranma ½, Shun Akiyama nella serie Yakuza, Vincent Brook in Catherine, e tantissimi altri ancora!

Eccovi una piccola introduzione al personaggio, seguito dal suo trailer di annuncio:

Takayuki Nakamura (Max)

Il protagonista, 33 anni, nato negli Stati Uniti ma cresciuto a Tokyo. Ha una personalità aggressiva, e sebbene si possa definire un tipo molto amichevole, spesso e volentieri finisce per dare troppa confidenza alle persone. Prova qualcosa per Aya Fumino, con cui si è scambiato molte lettere in passato, ma è poi finito per credere di non essere corrisposto quando la ragazza ha smesso improvvisamente di rispondergli.

Quindici anni dopo scoprirà una lettera senza timbro postale, e si recherà immediatamente a Matsue, nella prefettura di Shimane, per cercare di capire cosa sia successo ad Aya Fumino. Per via dei suoi modi di fare e di approcciarsi alle situazioni, tutti lo chiamano “Max“.

Root Letter: Last Answer arriverà in Giappone il prossimo 20 dicembre su PlayStation 4, PS Vita e Nintendo Switch.

Root Letter: Last Answer – Annuncio Kouichi Yamadera

Fonte: KADOKAWA GAMES via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*