Code Geass: si concludono in Giappone due serie manga

Code Geass

Se dal lato anime la celebre serie Code Geass è ormai in stallo, quantomeno dopo Code Geass: Lelouch of the Resurrection, dal lato manga ancora qualcosa continuava a resistere. Ma anche queste pian piano iniziano a salutare il pubblico, due per l’esattezza, Code Geass – Hangyaku no Lelouch Gaiden – Shiro no Kishi, Kurenai no Yasha e Katei Kyōshi no Lelouch-san.

Iniziata nel 2017, Code Geass – Hangyaku no Lelouch Gaiden – Shiro no Kishi, Kurenai no Yasha (Code Geass: Lelouch of the Rebellion – Lancelot & Guren) è pubblicata sul sito Comic Newtype di Kadokawa, e si concluderà con il prossimo capitolo. Si tratta di uno spin-off dedicato alle storie di Suzaku e Kallen mai narrate nell’opera originale.

Anche Katei Kyōshi no Lelouch-san è nata nel 2017 e pubblicata sul sito Comic Newtype di Kadokawa, ma a differenza dell’altra, si è conclusa proprio questa settimana. È uno spin-off comedy che reimmagina Lelouch e Nunnally in un mondo normale con delle normalissime vite, mentre C.C. è una ragazza d’alta classe che si sposterà improvvisamente nella loro abitazione. Marianne, la madre dei due protagonisti, ha affidato al giovane Lelouch il compito di fungere da tutor di C.C., ed è così che tra i due verrà stipulato un contratto.

Sarà davvero finità qui per Code Geass? Ovviamente no: appena lo scorso anno è stato rivelato che il film Code Geass: Lelouch of the Resurrection sarebbe stata solo prima fase di un nuovo piano decennale. Con queste premesse, chissà cosa ci riserverà il futuro!

Fonte: Kadokawa via Anime News Network (1,2)

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

ilCirox Channel - Memes, offerte e games