NARUTO SHIPPUDEN Ultimate Ninja STORM 4: dettagli dall’intervista a CyberConnect2

NARUTO SHIPPUDEN Ultimate Ninja STORM 4: dettagli dall’intervista a CyberConnect2

Famitsu ha pubblicato una lunga intervista con alcune delle figure chiave legate allo sviluppo di NARUTO SHIPPUDEN Ultimate Ninja STORM 4, ovvero Hiroshi Matsuyama, presidente di CyberConnect 2Yuki Nishikawa, director del gioco, e Miho Nakagawa, producer di BANDAI NAMCO Entertainment.

Principale argomento dell’intervista è stato il passaggio dallo sviluppo di un titolo originariamente cross-gen, a uno creato esclusivamente per le piattaforme della generazione corrente, e la conseguente modifica dei piani di release. Eccovi i punti salienti.

  • Lo sviluppo del gioco è durato circa due anni e mezzo, e da circa un anno e mezzo il lavoro si è concentrato esclusivamente sulla versione PS4 del gioco, scelta dettata dall’incremento della base installata e dai limiti hardware incontrati nello sviluppo su PS3 del capitolo precedente.
  • Continuare a lavorare su console old-gen, a detta di BANDAI NAMCO, avrebbe comportato un abbassamento della qualità complessiva del prodotto finale.
  • Essendo stato il primo lavoro per PS4 realizzare una tabella di marcia per lo sviluppo è stato difficile per CyberConnect2, che si è trovata a studiare il modo migliore per valorizzare al massimo l’hardware su cui lavorava.
  • Prima dello sviluppo di STORM 4, Matsuyama avrebbe voluto lavorare a una antologia dei primi tre capitoli per PS3, ma il passaggio mondiale a PS4 li ha portati a creare qualcosa che fosse paragonabile al passaggio tra la serie di giochi Naruto Ultimate Ninja e la sua evoluzione STORM, avvenuto all’inizio dell’era PS3.
  • Le scelte grafiche hanno comportato la sfida maggiore per il team di sviluppo, che ponendo molta attenzione alle boss battle e alle animazioni delle tecniche speciali, si è ritrovato ad aver bisogno di risorse esponenzialmente crescenti per migliorarne lo standard
  • Anche il gameplay ha causato alcuni grattacapi, soprattutto nel capire i limiti della console, sfruttando le sue capacità senza pregiudicare la stabilità del prodotto finale; sorprendentemente la console si è dimostrata in grado di gestire più di quanto ci si aspettasse, ed è stato possibile canalizzare in questo capitolo tutto ciò che di bello c’è nell’esperienza di gioco della serie Ultimate Ninja STORM… ma non senza difficoltà, paragonabili a quelle incontrate nelle fasi iniziali di sviluppo del primo Ultimate Ninja STORM su PS3.
  • Lo stato dello sviluppo del gioco alla fine del 2014 non era affatto positivo, ma dopo lo scorso Jump Festa la situazione è migliorata, anche grazie alla risposta dei fan, ma si è andati avanti lentamente, un pezzo alla volta, sviluppando singolarmente le linee di codice, testando, integrando e ripetendo, e questa è stata una delle cause del ritardo dell’uscita del gioco.
  • Secondo i suoi creatori, i selling point del gioco saranno il sistema di combattimento libero migliorato, la modalità storia, le cutscene, le battaglie con i boss, e in generale la migliorata azione 1VS1, il leader change system e gli scontri 3VS3.
  • CyberConnect2 si è innamorata di PS4, soprattutto per la sua capacità di realizzare animazioni fluide e di applicare diversi filtri al 2D, come il bleach bypassing, che rende il tutto graficamente molto più vicino all’anime e permette passaggi tra cutcene e gameplay senza soluzione di continuità.

Come ormai sanno anche i muri NARUTO SHIPPUDEN Ultimate Ninja STORM 4 arriverà su PlayStation 4, Xbox One e PC il prossimo 9 febbraio, ma per placare l’attesa una demo sarà resa disponibile sugli store europei il prossimo 17 dicembre.

Fonte: Famitsu via ShonenGameZ

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Collezionista e retrogamer compulsivo, circola con un Game Boy Advance in tasca e non ha paura di usarlo. Probabilmente è il più polemico del gruppo.