KINGSGLAIVE: FINAL FANTASY XV, un nuovo spot TV

KINGSGLAIVE: FINAL FANTASY XV

SQUARE ENIX ha rilasciato un nuovo spot televisivo per KINGSGLAIVE: FINAL FANTASY XV, film in CGI che servirà come prequel per l’ultimo capitolo numerato della saga.

Nel trailer, che potete trovare a fine articolo, possiamo dare uno sguardo in anteprima all’azione frenetica e alle splendide animazioni del film, che verrà rilasciato il 12 ottobre e sarà disponibile per l’acquisto sia singolarmente come Blu-Ray, che nella Deluxe Edition del gioco per PlayStation 4 e per Xbox One, come anche dal prossimo 30 agosto in formato digitale. Ma lasciamo che sia lo spot a parlare e, come sempre, buona visione.

KINGSGLAIVE: FINAL FANTASY XV – Spot TV

Sinossi

Il magico regno di Lucis ospita il sacro Cristallo, e il minaccioso impero di Nifleim complotta di trafugarlo. Re Regis di Lucis (Sean Bean), è il comandante di un gruppo di soldati di elite chiamati Kingsglaive. Usando la magia del loro re, Nyx (Aaron Paul) e i suoi commilitoni combattono in difesa di Lucis. Con l’incombere della schiacciante forza dell’impero, Re Regis si ritrova a dover rispondere ad un ultimatum impossibile: Far sposare suo figlio, il Principe Noctis, con la Principessa Lunafreya di Tenebrae (Lena Headey), prigioniera di Niflheim, e consegnare le sue terre al dominio dell’impero. Sebbene il re acconsenta, è chiaro che l’impero non si fermerà davanti a nulla pur di raggiungere il proprio scopo nefasto, con solo i Kingslaive a intralciare il loro dominio globale.

Fonte: SQUARE ENIX via DualShockers

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Federico Schirru
Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.