Street Fighter V: CAPCOM rivela il costo dei contenuti post-lancio

Street Fighter V: CAPCOM rivela il costo dei contenuti post-lancio

Con Street Fighter V già a piede libero in occidente, ma non ancora in Giappone, CAPCOM coglie l’occasione per rivelare il costo dei vari contenuti aggiuntivi post-lancio che verranno rilasciati per il titolo.

Questo nuovo capitolo del picchiaduro potrà contare su due valute; i Fight Money, le classiche monete acquisibili in-game, e gli Zenny, che supportano soldi reali. Per ogni dollaro speso, riceveremo 100 Zenny.

Sebbene eravamo già a conoscenza che i personaggi aggiuntivi sarebbero costati 600 Zenny, e i costumi alternativi 400, ci è possibile oggi sapere il costo di questi in Fight Money, per tutti coloro che non hanno intenzione di spenderci sopra ulteriori soldi reali. Per ciascun personaggio aggiuntivo, sarà necessario racimolare la bellezza di 100.000 Fight Money, mentre per i costumi “solo” 40.000.

Completando le mini-storie di ciascun personaggio e la survival mode attualmente disponibili nel gioco infatti, riusciremo a racimolare una somma di Fight Money necessaria per sbloccare Alex a marzo, e forse sarà rimasto giusto qualcosina per far nostro uno dei costumi alternativi. Dopo di che, se avete intenzione di continuare a sbloccare i nuovi contenuti con valuta in-game e non con i soldi reali, sarà necessario rimboccarsi le maniche e completare le varie sfide giornaliere che verranno messe a disposizione dei giocatori e vincere battaglie online.

Fonte: CAPCOM via Shoryuken

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.