Legal Dungeon arriverà nel 2021 anche su PS4 e Xbox One

Legal Dungeon

Il publisher Playism e il developer SOMI annunciano che Legal Dungeon, la seconda iterazione della trilogia Guilt, verrà rilasciato nel corso del 2021 anche su PlayStation 4 e Xbox One. Il gioco supporterà testi in varie lingue, tra  cui anche l’italiano.

Legal Dungeon ha originariamente debuttato su PC via Steam nel maggio 2019, arrivato poi su Nintendo Switch nel febbraio 2021.

Qui sotto potete trovare una interessante introduzione al gioco.

Analizza i registri delle indagini, usa le prove e la legge per combattere l’accusato e invia il tuo verdetto.

Esamina dichiarazioni e precedenti e crea i tuoi documenti nel dungeon

Assumendo il ruolo della tenente Jane Blue, il giocatore dovrà leggere il testo delle dichiarazioni e dei precedenti legali. Quindi, utilizzando parole chiave selezionate, dovrà andare in battaglia con l’accusato nel “dungeon” e completare i “documenti del verdetto” da presentare al pubblico ministero. Ogni volta che ti senti sopraffatto o confuso con il pesante carico di testi legali / giudiziari, il tuo assistente AI -” Mini Jane “- sarà lì per aiutarti. Inoltre, Jane ha una quantità fissa di HP, e una volta che questi raggiungeranno lo zero durante la battaglia nel dungeon, o se il tempo scade, il gioco terminerà.

Perseguire o non perseguire? Dipende da te!

Jane gestirà tutti i tipi di crimini, dall’oltraggio alla corte, alla rapina, e persino all’omicidio. Spetta al giocatore decidere se raccomandare che l’accusato sia perseguito o lasciato andare. Queste decisioni non influenzeranno solo le vite dell’imputato, ma anche quella di Jane, in quanto porteranno ai vari rami della storia.

Le tue decisioni influenzano direttamente la tua “valutazione”

Maggiore è il numero di autori perseguiti, maggiore sarà il tuo “Livello di prestazione”, guadagnandoti il ​​rispetto della polizia. Inoltre, a seconda delle leggi applicabili a ciascun caso, riceverai un punteggio, che influenzerà il dipartimento di polizia a cui appartieni così come la valutazione di Jane. Tuttavia, la decisione se procedere o meno sarà presa dal pubblico ministero sulla base dei documenti presentati. Anche quando il pubblico ministero decide di incriminare, ci sono momenti in cui il tribunale raggiunge un verdetto di non colpevolezza. Quando queste decisioni non coincidono, l’apposito livello (che influenzerà come sei visto dal tribunale / procuratore) diminuirà.

Un gioco di “mistero sociale” che costringe i giocatori a confrontarsi con problemi reali

La parte più sorprendente del gioco è il modo in cui la storia si svolge tra i sistemi unici e intrecciati sopra descritti. Una volta che tutti i misteri sono stati risolti, le varie trame della storia convergeranno perfettamente in una, portando con sé una svolta inaspettata. È anche composta in modo da riuscire a colpire sicuramente i fan più accaniti del mistero e della suspense. Cos’è il “dungeon”? Cos’è esattamente un “vero criminale” nel contesto di Legal Dungeon? Quando tutto sarà finito, sentirai quello che ha sentito lo sviluppatore Somi, che si tratti di “preghiera” o “dolore”.

Fonte: Playism, Somi via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Akiba Gamers su Twitch

Scopri il palinsesto settimanale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*