Bayonetta 3: cambio di voce in vista per la protagonista della serie?

Bayonetta

Era l’8 dicembre 2017, giorno in cui PlatinumGames giunse a scuotere il mondo dei fan di Bayonetta annunciando l’arrivo di un terzo capitolo numerato della serie su Nintendo Switch. Da allora però le cose non sono andate esattamente come gli amanti dell’apprezzatissima IP si sarebbero aspettati, in quanto il gioco è quasi completamente scomparso dalla circolazione e nessuna nuova informazione è stata rilasciata.

L’unica cosa che un po’ cerca di rassicurare l’utenza è il solito messaggio annuale del developer, comunicato alla bene e meglio, giusto per dire che “si, il gioco esiste ancora, è in sviluppo, ciao“. Quella che però ci giunge oggi, in via non ufficiale dalla compagnia, è un’indiscrezione che potrebbe lasciare con l’amaro in bocca tutti i fan della serie in attesa del gioco.

Su Twitter un fan ha recentemente elogiato Hellena Taylor, doppiatrice della protagonista della serie, definendola un’icona e dicendo che non riuscirebbe a immaginarsi Bayonetta senza di lei, ma risposta che si è visto arrivare non è quella che si sarebbe certamente aspettato di ricevere: “Beh, magari dovrai farlo.

Rispondendo a un’altro utente, il quale ha prontamente chiesto come avrebbe dovuto interpretare quelle parole, la Taylor ha smorzato il tutto dicendo che non ha la libertà di poterne parlare.

Ci ritroveremo quindi in questo terzo capitolo a doverci abituare a una voce diversa per l’iconica protagonista? E se così fosse, sarebbe un dettaglio che potrebbe darvi fastidio o imparerete a conviverci senza problemi? Fatecelo sapere nei commenti!

Fonte: DualShockers

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*