Giappone: lo stato di emergenza cesserà il 30 settembre

Giappone: lo stato di emergenza cesserà il 30 settembre

L’emittente televisivo NHK ha diffuso oggi la notizia secondo cui il governo non estenderà ulteriormente lo stato di emergenza in Giappone a partire dal 30 settembre in 19 prefetture. Altre 8 saranno sollevate dallo stato di “quasi emergenza”.

Nonostante la splendida notizia, è bene sapere che questo non significherà l’abolizione totale delle restrizioni per prevenire il diffondersi del coronavirus, bensì, un ammorbidimento che si farà via via più leggero se la situazione migliorerà nei prossimi mesi. Durante il primo mese post emergenza, ad esempio, gli eventi potranno aver luogo con un numero limitato di persone; bar e ristoranti, potrebbero subire limitazioni durante pranzo e cena se la situazione dovesse rivelarsi potenzialmente pericolosa. Le diverse situazioni verranno valutate con focus su specifiche aree, ad esempio: a Tokyo, i ristoranti potranno accettare solo gruppi di persone fino al numero massimo di quattro e dovranno, in ogni caso, chiudere alle 21:00. Ad alcuni locali sarà vietato servire bevande alcoliche, soprattutto, nelle zone interessate dalla movida notturna.

Il ministro della salute Tamura Norihisa ha affermato che le decisioni di parziale “apertura”, sono state prese in seguito al sensibile miglioramento della situazione contagi nel paese: solo 154 casi a Tokyo nella giornata di ieri, per un totale di 1.147 in tutta la nazione.

Fonte: NHK via Anime News Network

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Economo alla soglia della terza età, romantico e visionario. Si destreggia tra anime, manga e pensieri filosofici. Attualmente, in una relazione con Asuna Yuuki e Tifa Lockhart. Solo che loro non lo sanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*