Tales of Zestiria: nuove immagini e nuovi dettagli

tales of zestiria cover1

L’ultima anteprima online di Famitsu ci mostra alcune novità per Tales of Zestiria, come per esempio qualche dettaglio in più su Dezel, l’ultimo personaggio introdotto.

Dezel, come già ribadito, è un membro della Famiglia dei Cieli che lavora nell’ombra per rintracciare e vendicarsi dello Hyouma che ha ucciso un suo amico. La sua voce è quella di Daisuke Ono e il suo design è stato curato da Daigo Okamura.

Famitsu ci mostra anche il funzionamento del Fusionic Chain Linear Motion Battle System: semplici umani e membri della Famiglia dei Cieli possono combattere utilizzando diversi stili. Gli umani possono usare Base Artes e Arcane Artes, mentre i membri della Famiglia dei Cieli possono usare Base Artes e Heaven Echo Artes, ma entrambe consumeranno la stessa barra. La funzione Around Step resa popolare da Tales of Graces sarà implementata anche nel battle system di Zestiria. Segue qualche nuovo frammento di storia.

Il vero doshi è scomparso ormai da tempo, e la sua esistenza stessa è divenuta leggenda, ma nonostante ciò il doshi è ancora oggetto delle preghiere delle genti. Ciò ha causato non pochi problemi ai politici nel corso degli anni. Un gruppo di ministri vicino ad Alisha verrà a conoscenza del fatto che Slay è diventato il doshi e lo convocherà a palazzo. A Slay verrà mostrato per la prima volta il lato oscuro della società umana, che da ora in poi, nelle vesti di doshi, dovrà cercare di purificare.

Tales of Zestiria è attualmente in sviluppo su PlayStation 3 presso BANDAI NAMCO Games.

Fonte: Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.