SUDA51 e Toshihiro Nagoshi parlano del loro lavoro in NetEase Games

SUDA51 e Toshihiro Nagoshi parlano del lavoro in NetEase Games

NetEase Games ha portato sul web delle video interviste dedicate a due dei più caldi nomi che da poco tempo sono entrati a far parte della compagnia, ovvero Goichi “SUDA51” Suda, arrivato con l’acquisizione di Grasshopper Manufacture, e Toshihiro Nagoshi, diventato CEO del proprio Nagoshi Studio.

Qui sotto potete ammirare i due video, ciascuno con una piccola trascrizione dell’argomento trattato.

Intervista Goichi Suda

Goichi Suda: “Per citare qualcuno… ‘Sono estasiato e ho il terrore di essere scelto…’ Questo è più o meno come mi sono sentito quando ho avviato Grasshopper. Ero solito vomitare pezzi piccolissimi. Sai, tipo… solo piccoli frammenti di vomito, a volte.

“In Grasshopper, il nostro studio è rimasto abbastanza indipendente per molto tempo. Ora che siamo entrati a far parte del gruppo NetEase, riceviamo un’enorme quantità di supporto per la creazione di giochi.

“Di recente abbiamo aperto il nostro nuovissimo studio, che abbiamo soprannominato ‘Yabukiri Studio’. ‘Yabukiri’ è il nome di un tipo di cavalletta, ed è conosciuta come la più dura della specie. Quindi siamo andati con questo nome.

“Una delle cose uniche di Grasshopper è che non ho il mio ‘Ufficio del Presidente’. Tutti sono nel mio campo visivo e io sono nel campo visivo di tutti gli altri… Abbiamo fatto in questo modo da quando l’azienda è stata fondata e non volevo davvero cambiarlo.

“Così ho fondato questo studio chiamato ‘Grasshopper’ e credo che rappresenti una specie di studio ideale e ‘completo’. I giochi che realizziamo in questo studio… Voglio dire, giochi davvero fantastici e tutti nuovi, continueremo a crearli, e penso che rimarrete davvero colpiti…

“Mi chiedo quando potremo annunciare qualcosa…? Forse verso la fine dell’anno? Non ne sono sicuro… Potrebbe finire per essere l’anno prossimo, vedremo come andrà. Ad ogni modo, voglio sbrigarmi e mostrare a tutti cosa stiamo facendo.

“In questi giorni, ho lavorato su progetti back-to-back e mi piacerebbe iniziare un secondo progetto quando sarà il momento… Voglio realizzare qualcosa incentrato sullo staff più giovane di Grasshopper e fargli creare giochi nel loro nuovo stile. Per prima cosa vorrei iniziare con quello, e poi vedere se riusciamo a raggiungere un secondo e un terzo titolo. Voglio farlo bene e farlo funzionare.

“Non vedo l’ora di mostrare a tutti questa nuova versione di Grasshopper. Stiamo rinascendo. È quasi come cambiare la nostra pelle. Finora Grasshopper è passato attraverso varie versioni, ma quest’ultima è drammaticamente diversa. Sento che la cosa migliore che possiamo fare è continuare a portare nuovi giochi nel mondo. Quindi tenete d’occhio a quanto di interessante è in arrivo.

Intervista Toshihiro Nagoshi

Se ti chiedessero di descrivere il Nagoshi Studio in tre parole, quali sarebbero?

Toshihiro Nagoshi: “La prima parola che direi è ‘Globalità’. Per me, piuttosto che dedicare il mio tempo alla produzione, preferisco fare le cose in modo più efficiente. “Velocità” sarebbe la seconda parola. Ma il più importante è “Apertura”, che ho inserito anche nella nostra homepage. Dopotutto, siamo una squadra che lavora su un gioco. Credo che la comunicazione sia essenziale Per una squadra. Ecco perché ho scelto la parola “Apertura”, per enfatizzare il nostro atteggiamento nei confronti della comunicazione”.

In che modo la partnership con NetEase Games sta influenzando la visione dello studio?

Nagoshi: “Dal punto di vista dello sviluppo, penso che siamo professionisti nei videogame per console, mentre NetEase ha giochi per dispositivi mobili molto popolari, o per dire giochi online. I loro giochi sono molto popolari tra gli utenti. Quindi ciascuno ha alcune tecnologie che mancano all’altro. Possiamo imparare qualcosa gli uni dagli altri. Nel frattempo, manterremo anche i nostri punti di forza esistenti. In termini di tecnologie e competenze, assorbendo e imparando, possiamo migliorare noi stessi. Questa è la relazione che voglio.

“A causa del COVID-19 non posso andare in Cina. È un vero peccato. Stiamo lavorando su diversi metodi di comunicazione per scambiare le nostre idee su ciò che stiamo facendo in questo momento. Quando incontriamo problemi, se riusciamo a comunicare tra noi, se c’è una sezione aperta come questa per migliorare entrambi, credo si riesca a mantenere una sana collaborazione. E farò di questo un mio progetto”.

Fonte: NetEase Games via Gematsu

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.