DEATH STRANDING: Kojima ha già deciso la finestra di lancio

DEATH STRANDING

Durante un evento sul palco del Tokyo Game Show 2016, Hideo Kojima ha rivelato che il suo studio, KOJIMA PRODUCTIONS, ha già deciso internamente una data di rilascio per DEATH STRANDING, l’esclusiva PlayStation 4 annunciata nel corso dell’E3 di quest’anno.

Sebbene non condividendone dettagli precisi, Hideo ci ha fornito un indizio: DEATH STRANDING verrà lanciato prima delle olimpiadi di Tokyo del 2020 e prima dell’anno in cui è ambientato il film di Akira, 2019.

Il director inoltre rivela che la sua ultima opera potrà contare su una modalità multigiocatore cooperativa, ma sarà completamente giocabile in single player. Incalzato sulla domanda “Ma ci saranno eroine?”, Kojima ha chiesto al pubblico: “Chi dovrebbe interpretare questo ruolo?”.

In una nota separata, a Kojima è stata posta qualche domanda che riguardava una serie di voci circolate su internet, a tema METAL GEAR SURVIVE. Hideo ha dichiarato ufficialmente di non avere nulla a che fare con questo nuovo progetto, di cui conosce assolutamente nulla. Per lui METAL GEAR SOLID è spionaggio, narrativa politica e qualcosa in cui gli zombie non avrebbero mai dovuto avere a che fare. Yoji Shinkawa, designer di KOJIMA PRODUCTIONS, aggiunge inoltre che non ha mai sentito parlare di una storia del genere dal director, e che per lui Metal Gear è sinonimo unicamente di mecha bipedi.

KOJIMA PRODUCTION al TGS 2016

https://youtu.be/WNTdus18zyM

Fonte: KOJIMA PRODUCTIONS via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.