Mobile Suit Gundam: THE WITCH FROM MERCURY, annunciata la nuova serie TV

Mobile Suit Gundam: THE WITCH FROM MERCURY, annunciata la nuova serie TV

Nel corso di una conferenza dedicata alle novità per l’universo di Gundam, “Dai 2-kai Gundam Conference”, Sunrise ha annunciato la produzione di una nuova serie animata per il prolifico franchise. Si tratta della prima nuova serie TV in sette anni, intitolata Mobile Suit Gundam: THE WITCH FROM MERCURY (Kidō Senshi Gundam: Suisei no Majo). La nuova serie di Gundam, con molta probabilità un nuovo universo alternativo (quindi non appartenente al filone Universal Century) debutterà nel corso del 2022.

Lo studio ha inaugurato un sito in diverse linguefra cui, inaspettatamente, l’italiano — e ha rivelato il logo della serie, ma ulteriori dettagli verranno annunciate prossimamente. Koji Fujiwara, a capo della divisione Gundam di BANDAI NAMCO Entertainment, ha dichiarato nel corso della conferenza quanto segue: “Stiamo mirando a creare un prodotto che possa essere supportato dalle generazioni più giovani. Stiamo facendo i progressi più grandi di sempre.”

Mobile Suit Gundam: THE WITCH FROM MERCURY, o G-Witch, come viene già abbreviata ufficialmente, sarà la prima serie TV dopo IRON-BLOODED ORPHANS, andata in onda dal 2015 al 2016. È probabile che, come la serie citata poc’anzi e il recente film Mobile Suit Gundam: Hathaway, sarà Netflix ad avere l’esclusività nella distribuzione della serie nei paesi esteri, compresa l’Italia. Attendiamo con trepidazione di sapere cosa ci attenderà.

Fonte: Sunrise via Anime News Network

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*