Kabukichō ai tempi dell’epidemia: ecco le foto

Kabukichō ai tempi dell’epidemia: ecco le foto

Vie, piazze e strade vuote sono all’ordine del giorno qui nel nostro Paese visti i recenti decreti, e ormai non stupirebbero più nessuno. Quello che davvero fa strano è che, in Giappone, persino un quartiere che consideravamo intoccabile è rimasto affetto dalla recente epidemia e dalle misure contenitive per limitare il contagio: stiamo parlando di Kabukichō, a Tokyo, che tantissimi abbiamo ormai imparato istintivamente a conoscere e ad associare a Kamurocho, ambientazione cardine di vari giochi Yakuza, modellata a partire proprio dal quartiere della movida per eccellenza della capitale nipponica.

In quel quartiere è normale vedere masse di gente, più o meno brilla, girare per le stradefino alle prime ore del mattino: eppure, stando ad alcune foto recenti degli utenti di Twitter, i giapponesi hanno preso molto seriamente le ordinanze del governo sulle restrizioni al contatto umano, e ora le strade sembrano deserte.

Così tanto che, come alcuni hanno fatto spiritosamente notare, questi scorci di Kabukichō sembrano quasi teatro di una lotta fra Kazuma Kiryu e qualche delinquente, invitando quasi a photoshoppare il protagonista della saga in sovraimpressione, oppure postare direttamente uno screenshot del gioco, vista la qualità visiva a cui ormai il Ryu ga Gotoku Studio ci ha abituati, come ha fatto questo utente.

Fonte: Twitter via SoraNews24

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Lorenzo Repetto
Ossessionato da Le Bizzarre Avventure di JoJo e METAL GEAR, pensa che TRIGGER abbia salvato gli anime. Darebbe tutto pur di vedere un nuovo Trauma Center e il finale di Berserk; generalmente ti vuole bene, finchè non gli parli di microtransazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*