Tales of Zestiria – Hideo Baba parla della questione Alisha

Tales of Zestiria – Hideo Baba parla della questione Alisha

Da quando Tales of Zestiria è stato rilasciato in Giappone sul web si sono susseguite critiche e commenti, non sempre positive. Mentre alcuni giocatori hanno riportato problemi di mera natura tecnica, come la telecamera di gioco, in molti si sono lamentati per un’incresciosa questione legata a quella che sarebbe dovuta essere una dei personaggi principali.

ATTENZIONE: Onde evitare spoiler di vario genere, si sconsiglia la lettura di questo articolo a tutti coloro che non gradiscono anticipazioni sulla trama del gioco.

La questione ormai è chiara a tutti, ma per coloro che ne sono ancora all’oscuro, eccovi un piccolo riassunto: Alisha Diphda, uno dei primi personaggi svelati in contemporanea con Sorey durante l’evento che annunciava il nuovo capitolo della serie e descritta come “eroina”, non si è rivelata essere tale. Perché? Perché Alisha deciderà di lasciare il party già nelle prime fasi di gioco, e non tornerà più. L’unico modo per rivederla è tramite un episodio in DLC, una sorta di after story che vede per protagoniste Alisha e Rose.

Per questo motivo, i fan nipponici si sono scatenati in rete, dichiarando che non è stato tanto il fatto che il personaggio abbandoni il party ad averli lasciati interdetti,  ma il come ciò accada. Pare infatti che la dipartita della ragazza non abbia un senso; non muore, non rimane ferita, niente! Semplicemente… se ne va. Ovviamente, cosa comprensibile, è un po’ strano vedersi introdurre un personaggio nelle prima fasi di gioco, usarla per svariate ore, e poi vederlo sparire così.

Durante la proiezione di Tales of Zestiria: Dawn of the Shepherd, Hideo Baba si è pubblicamente scusato di aver causato preoccupazioni riguardo la serie di Tales of, e ha rivelato che avrebbe gradito parlarne in un’altra occasione. A questo proposito, Famitsu ha intervistato il producer riguardo la dichiarazione in questione.

Eccovi di seguito alcune delle parti più rilevanti dell’intervista.

Famitsu: Riguardo al problema con “l’eroina” di gioco, crediamo ci siano tre punti che possano aver causato il tutto. Sono state rilasciate informazioni iniziali che riportavano Alisha come personaggio rilevante e principale, ma poi la vedremo sparire nel corso della storia, e la vedremo tornare solo nell’apposito DLC realizzato nonostante il personaggio in questione non sia stato poi così significativo. Dopo aver sentito tutte le critiche, abbiamo continuato a giocare al titolo e a scrivere le nostre impressioni, e ci siamo divertiti… ma sentiamo anche noi che questo è stato uno spiacevole incidente. Onestamente non ci sentiamo di biasimare tutti coloro che sono stati attratti da Alisha grazie alle informazioni ricevute prima dell’uscita del gioco e del DLC, e poi sono rimasti confusi dalla sua prematura partenza senza ritorno.

Baba: Capisco quello che vuoi dire, ma permettimi di spiegarmi meglio riguardo le informazioni rilasciate prima dell’uscita del gioco. Fin dal primo momento in cui il titolo è stato annunciato, fin dal primo pezzo di informazione rilasciata, non abbiamo mai menzionato da nessuna parte che Alisha sarebbe stata l’eroina principale. La storia è stata realizzata tenendo bene in mente la dipartita della ragazza, e per questo motivo abbiamo esaminato più e più volte il suo costume, così che quello da lei indossato nel DLC sarebbe stato indossabile anche da Rose. Sfortunatamente, per evitare possibili spoiler ai giocatori, abbiamo deciso di non rivelare queste informazioni prima dell’uscita del suddetto DLC.

FAMITSU: Confermiamo che in tutti i documenti inviati dalla compagnia non è mai stato esplicitamente comunicato che Alisha sarebbe stata l’eroina del gioco. D’altro canto però, in Tales of Asteria il profilo di Alisha la indica chiaramente come tale, e molte notizie date dai media la indicavano allo stesso modo. Sembra proprio ci sia stato spiacevole equivoco.

Baba: Si, alcuni dei media l’hanno presentata come qualcosa di diverso da quello che avevamo comunicato loro, ma per quanto riguarda il profilo riportato in Tales of Asteria, è qualcosa di cui ci riteniamo completamente responsabili. I team di sviluppo di entrambi i titoli non sono gli stessi, e siamo veramente dispiaciuti per le inesatte informazioni riportate che hanno causato confusione nei fan. Lo Zestiria team, che ha lavorato su questo nuovo titolo per mesi e mesi negli scorsi tre anni, ha veramente il cuore a pezzi per tutto questo.

Famitsu: Permettici però di rilasciare una nostra opinione a riguardo; se la partenza di Alisha fosse stata annunciata per tempo, senza spoiler, sarebbe stato più facile per i giocatori capire sia la questione “eroina” che quella del DLC. Inoltre, quando è stato rivelato il DLC in questione, abbiamo ricevuto molti commenti che dichiarano che i sentimenti di Alisha sarebbero potuti essere rappresentati in modo migliore di quanto è stato fatto.

Baba: Se posso usare questa opportunità per parlare un po’ di più riguardo la situazione di Alisha… Nella storia ha due ruoli importanti; Il primo, che è quello di invitare Sorey nel mondo esterno, e il secondo, che è quello di soffrire per essere all’ultimo posto per la successione del trono, e Il conflitto che il protagonista si ritrova ad affrontare riguardo la realizzazione del suo sogno, quando non riesce neanche ad aiutare una singola ragazza. Tuttavia, queste particolari sfumature psicologiche non sono state esattamente trasmessi nel gioco.

Famitsu: Certo, alcune questioni sono rappresentate al meglio visivamente, ma per quello che alla fine non risulta chiaro, è normale usare la propria immaginazione. Nel caso di Alisha, sembra che sia stato un po’ di entrambi.

Baba: Alisha non rimane nel party a lungo come gli altri membri, ma fin quando è presente, il ruolo che interpreta è indubbiamente importante. Come conseguenza dell’incontro tra lei e Sorey, il protagonista scoprirà il mondo al difuori di Izuchi. Anche dopo esser diventato Shepherd, Alisha diventa sua partner nella missione di cambiare il mondo in qualcosa di migliore, ruolo che porterà Sorey a scoprire del suo “fallimento”. Nonostante abbia il potere di affrontare e mettere fuori gioco intere armate nemiche, non è in grado di fare niente riguardo la politica o i sentimenti delle persone. Per dirlo in parole povere, anche con il potere di uno Shepherd, non è in grado di aiutare un singolo umano.

Le risposte di Baba, a nostro dire, non sono completamente convincenti. Non si è espresso riguardo al metodo in cui Alisha viene rimossa dal party, e moltre altre considerazioni dei giocatori non hanno ricevuto risposta , ma sfortunatamente sospettiamo che questo sia il meglio si possa ottenere al momento.

Fonte: Siliconera

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.