Street Fighter V: svelata la data della seconda beta

Street Fighter V: svelata la data della seconda beta

CAPCOM rende pubblica in data odierna la data della seconda beta globale di Street Fighter V, il nuovo titolo del picchiaduro destinato a sbarcare su PC e PlayStation 4. Stando a quanto riportato dalla compagnia, il periodo designato stavolta andrà dal 22 al 25 ottobre (server permettendo! NdR).

A differenza della precedente, questa seconda beta aprirà le porte anche ai giocatori PC e alla possibilità di effettuare partite cross-platform tra questi e utenti PS4. Inoltre, visto gli annunci di nuovi personaggi arrivati nel corso del tempo, CAPCOM comunica che questi verranno resi disponibili a scaglioni; inizialmente troveremo Ken, Necalli, Vega e R. Mika, mentre Rashid farà la sua comparsa dal 23 ottobre, e Karin solo dal 24. Ryu, Chun-Li, Cammy, Birdie, Nash e Bison però non saranno presenti, in quanto già presentati precedentemente.

Le monete di gioco accumulate nella prima beta avranno finalmente senso di esistere, dato che con queste i giocatori potranno acquistare titoli vari e addirittura lo stage di Karin. Sfortunatamente però, tutto questo sarà limitato, in quanto non sarà possibile portare tutti i nostri acquisti nella versione finale del gioco.

In caso vi stiate chiedendo come fare per poter partecipare a questa seconda beta, presto detto! Coloro che desiderano giocarla su PC dovranno necessariamente prenotare il gioco su STEAM, procedura che permetterà loro di avere automaticamente accesso. I possessori di PS4, invece, dovranno nuovamente registrarsi nell’apposita pagina.

Fonte: CAPCOM via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.