Rival Schools 3 potrebbe diventare realtà

Rival Schools

Fra i compianti giochi nati sulla prima PlayStation che non hanno mai visto un futuro sulle successive incarnazioni della console troviamo un picchiaduro firmato CAPCOM, il cui nome, magari, potrebbe non suggerire nulla a molti dei videogiocatori attuali. Tuttavia, sono sicuro che esiste una buona fetta di fan in Italia che ricorda con piacere Rival Schools: United by Fate e il suo sequel Project Justice, nonché i suoi carismatici personaggi caratterizzati in maniera davvero impeccabile.

Sebbene molti di noi abbiano da tempo perso le speranze di rivedere Batsu e compagni sul campo di battaglia, esiste almeno una persona all’interno di CAPCOM che sembra intenzionata a voler riportare in vita questa saga: si tratta di Hideaki Itsuno, che ha diretto i due titoli originali prima di prendere parte a progetti come Devil May Cry 3 e Dragon’s Dogma. In questi giorni Itsuno ha parlato di Shiritsu Justice Gakuen (è così che il titolo si chiama in Giappone) ai microfoni di CFN Portal.

Nel corso dell’intervista sono emersi svariati argomenti riguardo la creazione della serie, il concept e il design dei personaggi… e Hideaki stesso ha ammesso di adorare il risultato ottenuto con i primi due titoli, nonché la sua volontà di riportare alla luce questa serie, dato che le vicende dei suoi protagonisti (Batsu, Hinata e Kyosuke) sono ben lungi dall’essere concluse. È così che questo folle game designer giapponese invoglia i fan a mostrare supporto per Rival Schools sui canali social (Twitter, in particolare) sfruttando il più possibile l’hashtag #RivalSchools3.

Vogliamo esaudire il suo desiderio?

Fonte: CFN Portal via Shoryuken

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.