L’importanza di cambiare

Online la nuova versione di Akiba Gamers: Videogames, Anime, Entertainment. Il Giappone visto daI Gaijin

L’importanza di cambiare

Non ricordo nemmeno quando abbiamo deciso di cambiare pelle, non ricordo quando abbiamo cominciato i lavori. Ricordo solo che avevamo questo estremo bisogno di svoltare, di aprirci altre strade e di sfondare la nostra nicchia, quella che Akiba Gamers (il fu Another Castle) si è costruito sul web in questi ultimi cinque anni. Siamo partiti come un blog amatoriale gestito da un gruppo di amici e abbiamo subito voluto giocare a farci grossi, nella nostra testa dovevamo rivaleggiare con realtà incredibilmente più grandi della nostra. Confrontandoci, imparando dai nostri errori e guardandoci intorno abbiamo capito quale doveva essere il nostro focus: è per questo motivo che il nuovo Akiba Gamers, dopo qualche esperimento nei mesi precedenti, abbraccerà nuovi settori, restando ben saldo a cavallo del gaming made in Japan, per spingervi a rimanere nel nostro quartiere anche quando i videogiochi non sono il vostro unico passatempo.

Spesso amici, conoscenti e persino gente che non mi conosce di persona mi pone domande del tipo: “Siete mai stati in Giappone? Com’è? Come avete organizzato il viaggio? Quanto costa? Cosa si può fare di divertente a Tokyo?”. Per questo motivo abbiamo pensato: perché non approfittare della nostra esperienza maturata sul posto in questi ultimi anni e autare tutti quelli che volessero viverla come l’abbiamo vissuta noi?

Anime, manga, serie televisive, film cinematografici, action figure, cosplay, cibo, viaggi, stramberie e tutto ciò che ha a che fare col nostro amato Giappone: sarà di questo — oltre che di videogiochi, che gli Akiba Gamers vi parleranno ogni giorno, da ora in avanti.

L’idea era di prenderci un po’ più di tempo per ragionare sulle cose da fare e organizzarci nel migliore dei modi per ripartire col botto, ma più lavoravo alla nuova versione del sito, più idee ci venivano in mente e più avevo fretta di mostrarvene il risultato. Per questo motivo “Gokudō” (percorso estremo, audace, nomignolo con il quale indichiamo questa nuova veste del sito) viene lanciato in rete in una sorta di versione beta, senza tutte le novità che abbiamo in programma di mostrarvi nei prossimi mesi e per le quali ci prenderemo un po’ di tempo in più per lavorarci su.

Project TOMOE, il grosso cambiamento che vi avevamo anticipato in svariate occasioni (fra video, post, storie su Instagram) comprende molte altre cose e obiettivi che ci prefiggiamo di raggiungere. Come potete vedere è tutto diverso: abbandoniamo per sempre ciò che ci ha caratterizzato sin dagli esordi, la nostra iconica iniziale azzurra e le tinte fredde in generale, per abbracciare un nuovo schema di colori (che richiama, ovviamente, la bandiera del Sol Levante) e soprattutto un nuovo modo di porci col mondo: il logotipo che utilizzeremo d’ora in avanti è una pennellata elegante ma aggressiva, che richiama la calligrafia tradizionale. Il tomoe è stato il primo elemento attorno al quale ho costruito l’idea della nuova grafica, la scelta dei colori è stata una conseguenza, pensando al Giappone: un’icona che è l’unione fra un futatsudomoe e un controller da gaming: un dualismo che rappresenta modernità (videogiochi e intrattenimento) e tradizione (cultura, filosofia e stile di vita), l’incontro fra due culture, l’armonia fra la serietà professionale e l’umorismo scanzonato che da sempre ci contraddistingue.

Ci auguriamo di avervi stupito, positivamente, e ci auguriamo di lasciarvi a bocca aperta nei prossimi mesi con nuove idee, articoli interessanti e progetti a lungo termine. Ci teniamo, inoltre, a dirvi che ci stiamo impegnando per far sì che i nostri lettori e sostenitori si sentano a casa nella nostra community, la quale ci prodigheremo a far crescere anche al di fuori dai social network.

Come sempre, ribadiamo che siamo costantemente alla ricerca di nuovi membri da coinvolgere nel nostro progetto, che da amatoriale mira a diventare sempre più professionale: anche se siete a digiuno di videogiochi potete entrare a far parte di Akiba Gamers come articolisti per qualsiasi cosa riguardi il Giappone e tutto ciò che gli orbita intorno. Se vi piace scrivere e avete una passione straripante per la patria di Pocky e samurai, non esitate a mandarci la vostra candidatura.

Fateci sapere cosa ne pensate del nuovo Akiba Gamers nei commenti e se vorreste che migliorassimo un particolare aspetto della grafica, della fruibilità o quant’altro. A proposito di questo spazio: ogni mese pubblicheremo un editoriale che si occuperà di delineare e sviluppare un argomento ogni volta diverso. Se avete idee da propoporci, fatecelo sapere. Buona navigazione!

L’importanza di cambiare

Zechs
Trent'anni passati a inseguire il sogno giapponese, tra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.

2 commenti

  1. Complimenti per l’iniziativa, l’intraprendenza e la qualità dei contenuti proposti!

    Dopo anni passati a spolpare siti internazionali per sfamare la mia fame di jvideogames e Giappone in generale,
    mi fa molto piacere trovare una community italiana così appossionata.

    Buon lavoro!

    Rispondi

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*