Slitterhead: nuovi dettagli su narrazione, colonna sonora e design delle creature

Slitterhead

Bokeh Game Studio ha rilasciato la seconda parte del video Q&A in cui svela nuovi dettagli su Slitterhead, titolo horror attualmente in fase di sviluppo. Il video, che troverete a fine articolo, vede nuovamente Keiichiro Toyama, Junya Okura e Kazunobu Sato discutere stavolta di narrazione, scelte per la colonna sonora e ispirazioni dietro la realizzazione del mondo di gioco e delle sue creature.

Toyama-san ha svelato che il design delle creature è uno degli elementi che lo vede più coinvolto durante la creazione del gioco. Lo sviluppatore vuole creare qualcosa che non sia un semplice nemico da abbattere, ma che abbia una propria individualità, dei valori e un intelletto nonostante siano diversi da quelli degli esseri umani. L’ispirazione principale è quella di creare qualcosa che risulti simile agli umani, ma che risulti incomprensibile per gli uomini.

La software house sta utilizzando Unreal Engine per la creazione del gioco. Okura ha svelato che in passato, quando lavoravano per altre software house, si tendeva ad utilizzare un motore proprio che per quanto fosse in grado di realizzare la visione del team di sviluppo, richiedeva dei tempi decisamente maggiori. Con Unreal Engine invece il team ha a disposizione già da subito tutti gli strumenti per creare il prototipo del proprio gioco, con la possibilità di aggiungere elementi propri in un secondo momento.

Akira Yamaoka è una parte attiva non solo nella realizzazione delle musiche, ma anche nella scelta di quali utilizzare. Toyama ha rivelato infatti che il compositore aveva fornito una serie di versioni della canzone presente nel trailer di annuncio, ma è stato lui a suggerire quale utilizzare in modo da poter trasmettere determinate emozioni ai giocatori. Si tratta di qualcosa di inaspettato, sentimento che il team di sviluppo vuole portare all’interno dell’intero gioco.

Tra le ispirazioni per la creazione del mondo di gioco ci sono i fumetti di Daijiro Moroboshi, oltre che altri elementi esterni di cui ancora non si vogliono rivelare ulteriori dettagli. Pur non essendo un titolo open world, la software house ha svelato che saranno presenti diversi percorsi che potremo perseguire e ciò influenzerà anche la narrazione. Il team punta a realizzare un approccio complesso alla storia, che potrà essere scoperta da diversi punti di vista.

Vi lasciamo ora con la seconda e ultima parte del Q&A dedicato a Slitterhead, ricordandovi che se ve la foste persa potrete recuperare la prima nel nostro precedente articolo. Buona visione.

Slitterhead – Q&A Session with Bokeh Game Studio #2

Fonte. Bokeh Game Studio via Gematsu

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Raro esemplare di panda sardo cresciuto a bambù e JRPG. Soffre di sindrome di Stoccolma nei confronti di SQUARE ENIX, ed è disposto a privarsi del sonno pur di spulciare all’inverosimile ogni titolo gli capiti fra le mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.