Dai Gyakuten Saiban – Anteprima

Dai Gyakuten Saiban / The Great Ace Attorney

Grazie al Nintendo eShop nipponico, siamo oggi in grado di provare la demo dell’attesissimo Dai Gyakuten Saiban (The Great Ace Attorney) per Nintendo 3DS, il nuovo titolo della serie Ace Attorney di CAPCOM ambientato nel passato, come una sorta di prequel, che vede come protagonista Ryūnosuke Naruhodō, antenato di Phoenix Wright, accompagnato da una guest star di tutto rispetto: il mitico Sherlock Holmes.

La demo prenderà luogo all’interno della stanza di una nave, dove ci ritroveremo faccia a faccia con un misterioso uomo russo armato di forbici. Sherlock inizierà spiegandoci chi si suppone sia la persona che ci sta di fronte e quello che ha commesso. Durante il corso del gioco, il nostro fido Holmes farà da apripista iniziando con le sue brillanti deduzioni sul poco rassicurante individuo, durante le quali farà la sua apparizione anche Susato Mikotoba, la nostra assistente. Nonostante il suo genio indiscusso però, qualcosa nei ragionamenti di Holmes continuerà ad essere fuori posto. Le azioni del nostro compagno investigatore saranno automatiche, lasciando a noi giocatori il compito di dettare le azioni di Ryūnosuke: sarà proprio quando le supposizioni del brillante investigatore presentano qualcosa di inesatto che entreremo in gioco utilizzando la nuova feature che prende il nome di Joint Reasoning. Tutto quello che dovremo fare sarà esaminare il losco personaggio utilizzando lo schermo touch della console o la croce direzionale e, selezionando alcune parti ben specifiche dell’uomo, inizieremo la nostra analisi dei vari dettagli; peccato che CAPCOM non abbia pensato di implementare una funzione che permettesse di osservare da varia angolazioni l’imputato tramite l’utilizzo dei giroscopi, lo avrei decisamente gradito. Una volta scovato l’elemento chiave per il prseguimento nell’indagine, e selezionando l’apposita opzione per l’ormai famosa OBIEZIONE! (che, nella versione giapponese di questo nuovo capitolo è diventata HAI!, ovvero “Sì!”), inizieremo a farci strada verso la verità.

Questa versione di prova purtroppo ci lascia un po’ con l’amaro in bocca, in quanto la si riesce a portare a termine in una ventina di minuti scarsi, dove i momenti in cui i giocatori dovranno entrare in azione e fare le proprie scelte si contano sulle dita di una mano… una mano con qualche dito mutilato. Le restanti parti di questa demo sono caratterizzate dagli immancabili dialoghi e interazioni dei personaggi realizzati con modelli 3D animati, stesso particolare che presentava anche Phoenix Wright: Ace Attorney – Dual Destinies. Devo ammettere però che le parti in cui è protagonista Sherlock, con i vari movimenti da persona molto sicura di sé, sono stupende, come molto enfatizzanti sono i momenti in cui i due assi delle investigazioni intrecciano le proprie abilità per offrire una spiegazione completa dell’accaduto, risolvendo il caso. Il tutto è accompagnato da alcuni apprezzabilissimi brani che, sebbene ne vengano offerti pochi, trovo decisamente pertinenti alla tipologia di gioco e all’atmosfera che vuole trasmettere.

In conclusione

Anteprima difficile questa, dato che la porzione di gioco offerta da CAPCOM mi ha lasciato decisamente a stomaco vuoto, non riuscendo a saziarmi in modo soddisfacente. Nonostante tutto, si sente l’odore di Ace Attorney già dalla schermata iniziale, dove potremo solo selezionare inizia. Essendo questo il suo compito, quale nuovo titolo della serie, direi che Dai Gyakuten Saiban, al momento, è promosso senza problemi. Anzi, in un certo senso adesso sono più curioso di prima di scoprire ogni suo segreto. Certo, gustare qualche altro assaggino non mi sarebbe dispiaciuto.

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.