Nuovo evento per Pokémon GO: Festival dell’Acqua

Pokémon GO: Festival dell'Acqua

The Pokémon Company e Niantic annunciano un nuovo evento per Pokémon GO: il Festival dell’Acqua. Nel corso di questi otto giorni, a partire da oggi alle 21:00, gli allenatori avranno maggiori possibilità di entrare a contatto e catturare Pokémon di tipo acqua, come Magikarp, Squirtle, Totodile e le rispettive evoluzioni. Maggiori dettagli nel breve comunicato stampa diffuso di seguito.

POKÉMON GO “SI TUFFA” NEL FESTIVAL DELL’ACQUA, UN NUOVO EVENTO IN-GAME GLOBALE

Niantic, Inc. e The Pokémon Company International svelano oggi un nuovo evento in-game globale all’interno di Pokémon GO: il Festival dell’Acqua. Dalle ore 21 di oggi 22 marzo fino alle ore 21 del 29 marzo gli Allenatori avranno maggiori possibilità di incontrare Pokémon di tipo Acqua come Magikarp, Squirtle, Totodile e le loro evoluzioni. Gli Allenatori avranno inoltre maggiori probabilità di incontrare Pokémon di tipo Acqua scoperti originariamente nella regione di Johto, e che recentemente hanno cominciato ad apparire nel gioco, durante l’esplorazione di zone dove i Pokémon di tipo Acqua compaiono più di frequente.

Per coincidere con i festeggiamenti, a partire da oggi, gli Allenatori avranno accesso anche a un nuovo oggetto per il guardaroba del proprio avatar, il Cappello di Magikarp.

Per maggiori informazioni relative al Festival dell’Acqua di Pokémon GO, visitate il blog ufficiale di Pokémon GO all’indirizzo: PokemonGOLive.com

Gli Allenatori possono seguire gli annunci relativi a Pokémon GO anche tramite la app ufficiale su Twitter o mettendo il loro Mi Piace sulla pagina Facebook.

Fonte: The Pokémon Company

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile grazie al tuo supporto! Puoi iscriverti ai nostri canali social, condividere i nostri articoli tramite gli appositi link e fare passaparola fra i tuoi amici.

Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.