La serie anime PLUNDERER arriva su Yamato Animation

Plunderer

Proprio da questo pomeriggio debutterà sul canale YouTube Yamato Animation la serie anime PLUNDERER, prodotto basato sull’omonimo manga di Suu Minazuki.

L’annuncio è arrivato sulla pagina Facebook ufficiale di Yamato Video, che ha rivelato i piani di pubblicazione della serie: oggi arriverà il primo episodio, domani il secondo e mercoledì 22 il terzo, andando così in pari con la messa in onda giapponese passando al simulcasting. L’anime continuerà quindi con un episodio a settimana, che verrà pubblicato sul canale YouTube alle ore 18:05.

Se siete interessati, eccovi quanto Yamato Video ha da dirci su questa opera:

La storia è ambientata ad Alcia, un mondo dominato dai cosiddetti “Conti”, dei numeri che ogni persona ha sul proprio corpo e che ne governano la vita. Le vicende iniziano con la madre di Hina che mentre viene risucchiata nell’Abisso, chiede alla figlia di trovare il leggendario Asso. È così che la ragazza incontra Licht, uno spadaccino dalle abilità sovrumane che indossa una maschera per nascondere la sua vera identità.

L’adattamento è diretto da Hiroyuki Kanbe (OreImo) presso lo studio GEEKTOYS (RErideD: Derrida, who leaps through time). La sceneggiatura è curata da Masashi Suzuki (Rail Wars!), mente i design dei personaggi sono ad opera di Yuka Takashina (Inari, Konkon, Koi Iroha.), Yuuki Fukuchi (direttore d’animazione in Saenai Heroine no Sodatekata ♭ ) e Hiroki Fukuda (direttore d’animazione in Persona 5 the Animation).

Fonte: Yamato Video

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Roberto Fuccini
Prestigiatore, ballerino di break dance, produttore cinematografico, fondatore di Akiba Gamers: un curriculum da fare invidia a Johnny Sins, ma che non regge il confronto con la sua smodata passione per i giochi d’importazione e per i tegolini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà reso pubblico.I campi obbligatori sono contrassegnati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*