CAPCOM annuncia il nuovo Strider

stride cover

strider-visualIn maniera totalmente inaspettata CAPCOM annuncia al mondo il ritorno di uno dei suoi personaggi storici: si tratta del ninja Strider Hiryu, che a distanza di quasi venticinque anni dal suo debutto torna sulle home console di attuale e prossima generazione con un titolo del tutto inedito, che prenderà semplicemente il nome di Strider.

Il nuovo Strider verrà (purtroppo) venduto esclusivamente in formato di download digitale su PC, PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360 e Xbox One (come al solito ci dimentichiamo di Wii U?).

Un intenso platform d’azione a scorrimento orizzontale che inizierà tra le strade della metropoli di Kazhakh City, in un misto architettonico russo-futuristico con edifici che si estendono attraverso cavi elettrici, condotti e tubature. I giocatori potranno esplorare liberamente la città (e non solo) acquisendo nuove abilità e oggetti che apriranno l’accesso a giganteschi mondi di gioco interconnessi fra loro.
Rimanendo saldo alla sua natura, Strider ritorna con tutto il suo arsenale di armi e tecniche di combattimento, nonché con le sue caratteristiche acrobazie da guerriero ninja.

Strider è in sviluppo presso Double Helix Games in collaborazione con CAPCOM, e la sua data di uscita è prevista per i primi mesi del 2014.

Che possa essere proprio Strider Hiryu il quinto personaggio misterioso che si unirà al roster di Ultra Street Fighter IV? Non ci resta che attendere. Nel frattempo gustatevi le prime immagini in alta definizione del titolo e il suo trailer di lancio in italiano.

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.