Yakuza 6: Story Trailer e gameplay dal TGS 2016

Yakuza 6

Nel corso del Tokyo Game Show di quest’anno SEGA ha sapientemente puntato tutto su Ryū ga Gotoku 6: Inochi no Uta, il titolo noto in occidente come Yakuza 6: The Song of Life, nuova iterazione della saga che, a quanto pare, vedrà concludersi le vicende dello storico protagonista Kazuma Kiryu. I due video che possiamo ammirare oggi in coda alla news altri non sono che uno story trailer (pieno di spoiler, se non volete rovinarvi proprio nulla della trama) e una sessione di gameplay in diretta avvenuta sul palco della manifestazione di Chiba.

Prima di lasciarvi ai video, vi ricordiamo che Ryū ga Gotoku 6: Inochi no Uta vedrà la luce in Giappone, esclusivamente su PlayStation 4, il prossimo 8 dicembre. Noi europei restiamo in attesa di Yakuza 0, la cui uscita è stata ufficializzata per il prossimo 24 gennaio su PS4.

Yakuza 6 – TGS 2016 Story Trailer

Yakuza 6 – TGS 2016 Gameplay

https://youtu.be/IfTOt52yqRQ?t=42m08s

2012, una notte innevata. Sul palco più grande del Giappone sotto gli occhi di migliaia di fan una ragazza fa una confessione: “Sono un membro della famiglia di Kazuma Kiryu“. In quel momento una idol, Haruka Sawamura, ha dichiarato al mondo il suo vero sogno.

Allo stesso tempo Kazuma Kiryu, il Drago di Dojima, era appena riuscito a risolvere il conflitto che coinvolgeva le cinque maggiori città del Giappone. Sotto l’incessante nevicata, Kazuma e Haruka si riuniscono in quello che sembra essere un periodo di calma.

Fonte: SEGA via DualShockers

Supporta Akiba Gamers

Ti piace Akiba Gamers e vorresti vederlo crescere? È possibile anche grazie al tuo supporto. Puoi condividere i nostri articoli sui social network tramite gli appositi link che trovi sul sito, fare del passaparola fra i tuoi amici, oppure effettuare una donazione tramite PayPal.

Effettua una donazione
Alessandro Semeraro
Trent’anni passati a inseguire il sogno giapponese, fra un episodio di Gundam e un match a Street Fighter II. Adora giocare su console e nelle sale giochi di Ikebukuro che ormai, per quanto lontana, considera una seconda casa.